SEZZE, il commissario prefettizio chiude il centro storico per l’estate

4 minuti di lettura

Una scelta sicuramente coraggiosa e che lascerà comunque il segno quella del commissario prefettizio del Comune di Sezze, che nei giorni scorsi ha firmato un’ordinanza che regola il traffico veicolare all’interno del centro storico impedendo, di fatto, l’accesso alle auto dalle 20 di sera alle 4 del mattino. Raffaele Bonanno, nello spiegare i motivi che lo hanno spinto ad emettere l’ordinanza, ha sottolineato come nelle scorse settimane siano state tante le segnalazioni pervenute dai cittadini che lamentano, specie nel periodo estivo, la presenza di numerose autovetture parcheggiate nelle ore notturne al di fuori degli stalli di sosta, che impediscono l’accesso ai mezzi di soccorso, con pericolo per la pubblica incolumità.

Lo stesso commissario, prima di sottoscrivere le nuove regole sulla viabilità, aveva chiesto un parere al Comando stazione dei Carabinieri e a quello della Polizia Locale, chiedendo loro di verificare se sussistessero problemi di sicurezza nella zona del centro storico, segnalati soprattutto dai cittadini residenti. La risposta della Polizia Locale era stata inequivocabile: “Corrisponde al vero. E in particolare dalle ore 20 in poi, il centro storico, in particolare Piazza IV Novembre, è interessato da notevole flusso di giovani che frequentano le attività presenti con conseguente parcheggio selvaggio ed aumento della circolazione dei veicoli”. Una risposta che inevitabilmente ha presupposto una scelta chiara ed univoca. Per questo motivo il commissario ha disposto che negli orari in cui si verifica la maggiore concentrazione di auto vengano interdetti il traffico e la sosta per garantire l’intervento dei mezzi di soccorso.

Nello specifico, l’ordinanza prevede la chiusura di Via Roma (dall’incrocio con via G. Matteotti e via San Carlo) e l’istituzione di divieto di sosta lungo via Roma e in Piazza IV Novembre con rimozione forzata, ad eccezione dei residenti del centro storico e dei diversamente abili. Da oggi e fino al prossimo 30 settembre, quindi, dalle 20 fino alle 4:00 del giorno successivo, vigerà il divieto di transito e quello di parcheggio nelle strade citate. Gli unici dubbi che restano, non spiegati all’interno dell’ordinanza che si è limitata a parlare di segnaletica stradale, sono quelli relativi ad un eventuale ricorso a sbarre meccaniche per regolamentare i varchi o a semplici transenne. E in quel caso la domanda che in tanti si sono fatti è stata quella relativa a chi dovrà occuparsene. Perché abbassare una sbarra alle 20 di sera è semplice, alzarla e permettere il traffico veicolare alle 4 del mattino diventerebbe più complicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: