SEZZE, i vincitori del concorso “Setini popolo di poeti e creatori… al tempo del coronavirus”

13 minuti di lettura

Sono stati resi noti dalla pagina Facebook dell’amministrazione comunale di Sezze i vincitori del concorso “Setini popolo di poeti e creatori… al tempo del coronavirus”, iniziativa lanciata con l’obiettivo di rendere questo delicato periodo meno angosciante per la cittadinanza che lo sta vivendo. L’iniziativa ha raccolto tante adesioni, con le due sezioni, quella riservata agli studenti e quella degli adulti che in totale hanno visto la partecipazione di oltre 90 cittadini.

Il podio della sezione A, quella riservata agli studenti, ha visto piazzarsi al terzo posto Maria Mattei con “Sezze in libertà”, al secondo Iuliana Podaru con “Le mie emozioni”, mentre ad aggiudicarsi il primo posto è stato Matteo Di Bella con il componimento dal titolo “Il Coronavirus”. Nella sezione riservata agli adulti, invece, la giuria ha decretato che il terzo posto fosse appannaggio di Chiara Marchetti e la sua “Vivere d’istanti”, il secondo di Daniela Colozzi con “L’arte dell’attesa” e il primo di Luciano Di Trapano con il suo “I’ arimano a casema”.

Soddisfazione per la risposta della cittadinanza e per l’esito dell’iniziativa è stata espressa da Giulia Mattei, assessore a Scuola, Sport e Politiche Giovanili, che ha spiegato: “Con la proclamazione dei vincitori, giunge all’epilogo il concorso che come amministrazione abbiamo pensato per i nostri concittadini, per dar voce al mondo interiore di chi volesse fermare con le proprie parole la tanto dura quanto significativa esperienza della quarantena. Il forzato stare in casa che ha segnato gli ultimi due mesi ha certamente spinto ognuno di noi ad una riflessione: nostro desiderio è stato voler trovare uno spazio per chi volesse condividerla con i propri concittadini, donando un po’ di sé alla collettività di appartenenza. Non abbiamo la velleità di aver voluto così rendere “migliore” la pandemia e ciò che ha portato con sé, ma speriamo di aver spinto a cogliere da essa lo spunto per guardare, anche solo per il tempo di buttar giù poche righe, la propria interiorità e permetterle di parlare a chi ci circonda. La risposta – ha spiegato l’assessore non nascondendo la propria soddisfazioneè stata calorosa e molto soddisfacente e ci auguriamo possa essere solo la prima iniziativa di una lunga serie, perché dar voce ai nostri concittadini significa dare voce alla nostra stessa identità. I primi tre classificati della sezione bambini riceveranno buoni da spendere come materiale scolastico, mentre la sezione riservata agli adulti verrà premiata con targhe e gadget. Speriamo quindi di poter organizzare quanto prima un momento per festeggiare i vincitori “dal vivo”. Ringrazio a nome di tutta l’amministrazione – ha concluso Giulia Mattei – quanti hanno partecipato perché sono loro, tutti compresi, la nostra più grande vittoria”.

IL TESTO VINCITORE DELLA SEZIONE A

IL CORONAVIRUS

Da due mesi la nostra casa è una prigione
ci ha stufato anche la televisione.
Basta fare pizza, dolci e tiramisù
non ce la facciamo proprio più!
Io sono solo un bambino,
abito al centro storico e non ho nemmeno un giardino.
Il Coronavirus ci ha tolto la libertà,
vogliamo tornare alla normalità,
per correre e giocare liberi e felici
all’aperto e con gli amici!
Questo virus vita lunga non avrà
e la corona perderà!
Grazie ai medici e agli infermieri
loro si che sono eroi veri.
Lottano contro la pandemia
e di sicuro la cacceranno via!
Presto salvo sarà il mondo
e i bambini faranno un gran girotondo.
Non ci saranno più distanze e barriere
solo baci, abbracci e coccole sincere.

Matteo Di Bella

 

IL TESTO VINCITORE DELLA SEZIONE B

I’AREMANO A CASEMA

Zitto!
Statte zitto, tu su mammoccio, tu su zeco, e quando uno è zeco se teta sta zitto, teta dà retta a quello che dicono i più grusci.
Me su peduto mille vote che è so viruse. E su ‘na pittima figlio bono me’!
Hao ditto ch’è ‘na cosa ca ‘n se vide ma ci sta, e se la ti’ ma ne sai, l’attacchi agl’atri mentre stai a chiaccarà co’ isci. Accosì a successo a mi e a patto! È accom’ alla porle…te se ficca pe’ gl’occhi, pe’ le froce, t’ariva drento agli pulmugni fino fino e ‘n te fa ‘respirà più: t’accìte!
C’hao ditto ca tenema sta allo nostro, ca ‘n potemo isci’: agnuno teta sta ciunco appinato alle casi sèe, perché schitto accosì ci potemo salevà! Pe’ mo ‘n ci sta niciuna cura.
Accome? D’addà venuto? Ma sacci…dalla Cina, dalla Cina ovo ditto.
Chi l’ha ditto? Accomm’è chi l’ha ditto! L’ha ditto la televisiono.
Che? ‘N ci cridi? Pe’ ti hao stati i ommini?
Ma none! Dice c’ha ‘scito dalle sarache e dalle nottie.
Che stai a dice? I’ hao allanciato pe’ ll’aria addapposta pe’ vede’ tutta sa rattatuglia e dapó pe’ facc’ accattà le medicine!
Nz…ma zitto!
So malo è accome alla Spagnola. Matrema m’araccontava ca la gente cadeva pe’ tera accomm’ a gli turapitti e n’ha putivi manco araccolle, se lo facivi te murivi puro tu appress’a isci. A Sezze fin’a mo, ringraziando a Cristo, ‘n s’ha morto nisciuno. ‘N tutti i modi, speramo beno! Quigli ca ci cummannono sto dda i bocchi p’accattà lo magna’: chisà se ci darao pur’a nu ca marchetta! Agli cridinzono ‘n c’ha rimaso assai…ca ciammella e gli tortolo, a gl’arcono ‘na cica farina, ‘n po de zazzicchie, l’ova e le carcioffole. Patto ‘n sta a i’ manco alla giòbba.
Esse, abbasta ca ‘n te sinti malo tu. Statt’attente sa’! N’ariscìne! Statte adesci co’ zia, ‘n fa i’ stesso sbaglio nostro! Quello ca me dòle de più è che me te volaria mette ‘nzine, ariempirte de baci, te volaria stregne ‘n cima agli còro accom’ a quando te deva lo latto…ammice (?) tenema sta lontagni e chiaccara’ a gli talefono.
Ch’è brutta la quarantena! E chi se lo credeva! Ti paura puro d’affattarte alla finestra.
A sta ‘richiusi, te se fa i’ capo cattivo, pinzi puro quello ca ‘n teta pinzà. Mino malo ca quasci finita! Me parono mill’anni…
Era meglio ca quella di’ ‘n ci iavamo a tramutà lo vino. Quesso perché? Perché patto è cucciardo! La bella che è, è che ce l’aveva ditto:”Iamoci quando ha finito tutto”…no, ha voluto i’ pe’ forza…e ci hao attaccato a tutti doa! Mo, te se sònna la notte e me dice ca mi e a ti, semo le cose più belle ‘gli munno ca c’ha dato nostro Signore! Prima i’ ‘nciastemava mo i’ aringrazia e se fa puro i’ segno ‘lla croce. Ci voleva so viruse a ‘n fagli ‘nciastemà più! Però, me volaria abbraccià a ti e patto ‘nzeme… Ma mo ‘n se po fa. Nu adecco stamo separati ‘n casa: uno a davido e gl’atro a tera, e magnamo uno da capo e uno da pedi.
A vede’ se ci aricordamo so viruse!
Chiàccara più forte, ‘n te capisco… Chi è stato a’ attaccariciglio? E chi lo sa!
Semo ‘ncontrato cacotuno e la di’ ‘ppresse c’ha venuta la freve erta.
Che tenema fa? Pe’ ti tenema cagnà lo magnà e tenema camminà agli solo? Ci tenema magnà de più i pesci, l’ova, le carote, i’ sellero, le verdure, perché è quessa la cura?
Me sa ca ti raggiono!
Adesci stao tutti a chiaccarà de vaccigni, de medicine e all’Africa è meglio che da nu! Alloco i’ solo ‘n ci manca, vao a pedi e magnono poco.
E cagnamo! Semo fatte tante cose ca n’hao servite a niente e ‘n potemo fa quessa!
No’ vido l’ora ca ‘ristamo tutti ‘nzeme.
Ciao beglio de mamma, arattacca tu ca i’ ‘n ce la faccio!

Luciano Di Trapano

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: