ROCCAGORGA, al via l’edizione 2020 del premio “Piccolo Comune Amico d’Italia”

Il Comune di Roccagorga è in lizza per l’edizione 2020 del premio “Piccolo Comune Amico”, organizzato dal CODACONS con il sostegno delle dalle principali associazioni che rappresentano i cittadini italiani in ambito sociale, ambientale e culturali, nelle categorie “innovazione sociale” e “economia circolare”. Tale progetto nasce con l’idea di individuare e premiare 25 Comuni, con meno di 5.000 abitanti, che ospitano le eccellenze del territorio italiano con l’obiettivo di favorirne la valorizzazione tramite la diffusione delle eccellenze presenti sul territorio. Il sindaco Nancy Piccaro dichiara: “Per Roccagorga è un’occasione importante per valorizzare la nostra realtà. Saremo in gara sia con il progetto CasCam- Safety Remot Control, elaborato dalla impresa locale Elle costruzioni che dà la possibilità ad un supervisore di controllare il rispetto delle norme relative alla sicurezza dei lavoratori anche qualora essi fossero dislocati in più cantieri, garantendo così una migliore qualità del lavoro, sia con il nostro modello vincente di economia circolare. Quest’ultimo è portato avanti fin dal 2004 e sarà arricchito anche dal prossimo impianto di compostiera di comunità che raccoglierà rifiuti organici, soprattutto quelli provenienti da strutture pubbliche quali scuole, mense, asilo nido ecc”. “Nella scelta dei progetti da candidare- dichiara il Vicesindaco Mario Romanzi- si è voluto valorizzare ciò che fa parte della cultura di Roccagorga, vale a dire una spiccata sensibilità per le questioni sociali e ambientali. Il progetto CasCam- Safety RemotControl, a ben vedere, rappresenta una soluzione innovativa e smart che si collega alla tradizione delle lotte sociali di Roccagorga (eccidio 1913 e sciopero al rovescio del 1951) e alla profonda sensibilità della nostra comunità sul tema della tutela dei lavoratori. Riguardo l’economia circolare, invece, il Comune di Roccagorga è tra i primi 10 comuni ricicloni, al di sotto dei 5.000 abitanti, della Regione Lazio, per percentuale RD che è pari al 77,71%. Un simile risultato dimostra come il concetto della riduzione al minimo degli sprechi e l’utilizzo di risorse ed energie rinnovabili e circolari ormai fa parte della quotidianità dei cittadini di Roccagorga, che hanno definitivamente superato l’abitudine del cassonetto che rappresenta spesso il maggiore ostacolo all’avvio del porta a porta”.