LATINA, Valletta (Lega): “Serve al più presto il nome del nuovo sindaco”

4 minuti di lettura

Latina ha bisogno di ripartire e di farlo in maniera incisiva, assicurando ai cittadini un governo della città solido e competente, in grado di ascoltare le istanze dei territori e di tradurle in azioni concrete; ha necessità di avere una coalizione coesa e presente, che possa farsi garante di una stabilità amministrativa e interlocutore perfetto con gli enti sovraordinati. Il centrodestra ha tutte le carte in regola per portare avanti tale progetto, che oggi, considerato il consenso ricevuto sul piano nazionale e regionale, deve essere assunto come un obbligo morale nei confronti degli elettori e della città nel suo complesso. Come segretario comunale della Lega ribadisco con determinazione il supporto all’intera coalizione, a proseguimento di un percorso virtuoso di collaborazione e radicamento sul territorio. Ma al contempo esorto i vertici a convergere sul prossimo candidato sindaco: serve un nome e serve quanto prima, perché il prescelto non avrà soltanto l’arduo compito di portare avanti un programma di governo vincente, ma sarà chiamato anzitutto a ricucire lo strappo che negli ultimi anni ha finito per allontanare sempre più i cittadini dalla vita politica. A loro dobbiamo assicurare servizi, opere pubbliche e nuove opportunità di sviluppo della città, in ogni ambito e settore, con particolare riferimento ai borghi, alle periferie e alle aree degradate. Possiamo farlo, ne sono certo, ma serve una pianificazione delle attività e un programma politico-amministrativo condiviso in origine, in cui ognuno è chiamato a fare la sua parte, con onestà intellettuale e abnegazione. Solo così si può evitare di ripetere gli errori del passato, gli stessi che hanno portato alla mancata elezione di Vincenzo Zaccheo nel 2022 e riconsegnato la città ad una sinistra che ha dimostrato di non avere considerazione dei cittadini e dei territori. La Lega, forte anche dell’eccellente lavoro svolto in regione da Angelo Tripodi e in virtù del piano d’azione dei prossimi cinque anni del neoletto consigliere regionale, può fare la differenza e ha tutte le intenzioni di farlo, concretamente, a continuazione di un percorso che dal 2014 è andato via via affermandosi. Abbiamo lavorato bene sul territorio e per il territorio, arrivando al 21% dei consensi. Una percentuale che non è frutto di strategie politiche ma di un’attività costante e certosina partita dal basso, che ha visto il coinvolgimento di tutte quelle persone che hanno condiviso e condividono tuttora valori e obiettivi di partito”.

Così in una nota Vincenzo Valletta, già consigliere comunale e segretario cittadino della sezione della Lega di Latina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: