ROMA, Santori: “Adesione accordo sindacale solo al 15%: dg Ama certifica il flop e scrive ai sindacati”

2 minuti di lettura

“Ennesimo autogol del sindaco Gualtieri e di Ama, e a poche ore dalla presentazione del nuovo piano rifiuti a una città che trasuda sudiciume da tutte le parti. Per salvare la faccia e permettere comunque qualche intervento in più, il dg Bossola con una nota protocollata PG – 04/08/2022.0082890.U, inviata ai sindacati, annuncia che l’accordo di qualche giorno fa, siglato tra azienda e rappresentanze dei lavoratori e che i sindacati già avevano sospeso, è valido anche se non si è raggiunta la quota di adesioni stabilita, e per di più giustificando il flop con la difficoltà di informazione ai dipendenti nel periodo feriale. Uno scandalo e una confusione senza fine. Ma il risultato è sempre lo stesso: caos e sporcizia, cumuli di immondizia che ormai sembrano essere divenuti il nuovo emblema della città. Ma a che gioco stiamo giocando in una Roma martoriata, umiliata e coperta di immondizia, e che da anni non vede la fine allo scempio e all’indecenza”. Lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, consigliere capitolino della Lega, a proposito della scarsa adesione dei lavoratori all’accordo tra azienda e sindacati finalizzato a migliorare la pulizia della città.

“L’accordo siglato nei giorni scorsi tra Ama e sindacati per avviare una nuova turnazione festiva nel tentativo di dare all’Urbe una decenza almeno apparente, è destinato al fallimento. Poche le adesioni, solo 15%, ma le chiacchiere, le riunioni, le intese, i proclami, le lettere, i protocolli si moltiplicano. E risultati, ancora una volta, non se ne vedono”, conclude il rappresentante della Lega.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: