GAETA, fino a venerdì 29 a scuola la tappa del progetto di studio STEM

3 minuti di lettura

Il Cielo Itinerante, l’associazione nata lo scorso 12 febbraio con l’obiettivo di avvicinare allo studio delle materie STEM (scienza, tecnologia, ingegneria, matematica) le bambine e i bambini in situazioni di fragilità educativa, e oggi impegnata nell’obiettivo di rendere l’Italia il Paese europeo in cui più bambini hanno visto il cielo, arriva a Gaeta, con il campo STEM Gaeta Brilla, dal 25 ottobre e fino al 29.

La tappa di Gaeta, dopo i CAMPI STEM 2021 di Milano, Brindisi e Forcella, si inserisce all’interno del progetto nato dall’esperienza di Forcella Brilla 2020 in collaborazione con Space42 Europe, con il quale Il Cielo Itinerante intende offrire cinque giorni di esposizione alla scienza attraverso esperienze dirette su temi specifici, con tre ore di attività STEM al giorno dalla forte componente hands-on.

Giorni in cui le bambine e i bambini avranno, inoltre, la possibilità di partecipare a incontri con esperti e ad altre attività ludiche, che saranno occasione di recupero e di conoscenza delle discipline scientifiche in una modalità concreta e inclusiva.

Il Cielo Itinerante coinvolgerà i bambini e le bambine di due istituti della città: dal 25 al 26 le attività si svolgeranno all’Istituto comprensivo G. Carducci in Piazza Trieste, il 27 e 28 presso l’istituto comprensivo Principe Amedeo, in via Calegna 20 e il 29, a conclusione dei 5 giorni, i due gruppi si incontreranno allo stadio comunale “Reciniello” in via Marina di Serapo.

I temi del campo STEM Gaeta Brilla saranno lo Spazio e l’Acqua, a cui saranno dedicati rispettivamente i laboratori del primo e del secondo giorno, mentre nella giornata finale le bambine e i bambini dei due istituti partecipanti costruiranno e lanceranno un razzo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: