PONTINIA, il comunicato di Patrizia Sperlonga ed Enedina Caputo di Pontinia Città Ideale per il programma riferito alla cultura ed all’istruzione

3 minuti di lettura

I temi della scuola e della politica scolastica rivestono enorme importanza all’interno del programma della lista “Pontinia Città Ideale”, con candidato sindaco Carlo Medici. Tanto che rappresentano il primo punto nell’elenco delle iniziative che la compagine civica propone ai cittadini. 

L’implementazione dell’istruzione passa anche attraverso l’educazione alimentare, il doposcuola per il sostegno allo studio, l’educazione civica, nonché la formazione sportiva e musicale. “Sono fattori irrinunciabili – spiegano Patrizia Sperlonga ed Enedina Caputo, candidate al Consiglio Comunale al fianco di Carlo Medici – per la completa crescita personale dei nostri ragazzi”. Si parla ad esempio di estendere il doposcuola allargando la possibilità di fruirne a tutte le classi con il coinvolgimento dell’associazionismo, di una particolare attenzione all’educazione civica per dare maggiori strumenti e consapevolezza ai cittadini del domani. Ma non solo. 

Tra i nostri obiettivi – aggiungono Sperlonga e Caputo – c’è un’implementazione dell’offerta scolastica che comprenda anche istituti d’istruzione secondaria, ormai funzionali alle esigenze di una comunità, come quella di Pontinia, che ha avuto un grande sviluppo (anche demografico) negli ultimi anni. L’attenzione è rivolta altresì al recupero dell’istruzione scolastica per coloro che, per diversi motivi, non abbiano potuto conseguire titoli di studio. La nostra idea è quella di istituire un Centro provinciale per l’istruzione degli adulti. Infine, oltre all’iniziativa dell’istituto tecnico superiore post diploma per la specializzazione in Agricoltura che verrà realizzato nella zona C4, nel nostro programma abbiamo inserito anche l’istituzione e l’affiancamento di indirizzi in tema socio-sanitario”

Pontinia – conclude il candidato sindaco Carlo Mediciè un paese in costante crescita, per cui è doveroso, anche per garantire il principio della continuità scolastica, dotarla di istituti scolastici superiori indirizzando le scelte dei nostri ragazzi basate sulle loro attitudini, con uno sguardo attento anche alle nuove competenze richieste”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: