GAETA, Nikolas e Kamilla finalmente riuniti alla loro famiglia adottiva

4 minuti di lettura

Una storia d’amore e di sofferenza durata circa due anni, iniziata e mai finita per una coppia di Roccasecca che, finalmente, oggi vede realizzare il proprio sogno di costituire una famiglia.

La coppia ha iniziato il percorso dell’adozione internazionale con l’Ente Ernesto, circa due anni fa, poi una serie di ostacoli prima amministrativi, poi burocratici, poi logistici e infine anche la pandemia e così i genitori non riuscivano a varcare il confine del territorio ungherese per poter abbracciare i piccoli Nikolas e Kamilla di 8 e 5 anni al momento dell’abbinamento.

Tanti mesi di attesa, tante speranze, una grande volontà che purtroppo non è stata sufficiente a superare le chiusure dei rispettivi paesi e le norme di sicurezza. Ma, finalmente lo scorso luglio la coppia è riuscita a mettersi in viaggio e ad incontrare i bambini. Una grande emozione per questi genitori-coraggio, che non hanno mai smesso di sperare e lottare per rendere concreto il loro desiderio che adesso è realtà.

I piccoli, appena giunti a casa, sono stati dapprima accolti dal sindaco e dal vice sindaco del Comune di Roccasecca che ha presentato la famiglia a tutta la comunità. Successivamente, come scambio di amicizia e collaborazione tra i due comuni, la famiglia e i bambini hanno incontrato l’assessore all’istruzione del Comune di Gaeta Gianna Conte e l’avv. Alessia Maria Di Biase referente del Centro per le adozioni internazionali che, unitamente agli psicologi Vincenzo Russo e Claudia Nissi, hanno accompagnato la famiglia nell’iter adottivo.

L’Assessore Conte, dopo aver portato alla famiglia i saluti e gli auguri del Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, ha rivolto alla famiglia i suoi complimenti per la tenacia e forza di volontà dimostrata in questa esperienza. Poi ha consegnato insieme all’Avv. Di Biase alcuni doni per i bambini e per la coppia la quale ha condiviso con gli ospiti la propria storia raccontando la difficoltà del percorso, il lungo viaggio e la permanenza in Ungheria fino al rientro a casa dove ad attenderli c’era una grande festa a sorpresa. 

La famiglia è ancora incredula ed emozionata nel vedere i bambini sereni e felici; hanno concluso la visita a Gaeta ringraziando la presidente dell’Ente  Ernesto, l’avv. Morena Grandi che ha profuso tante energie per poter vedere conclusa questa procedura e ha inviato ai neo genitori e ai bambini un messaggio di auguri per questa nuova parte della loro vita che inizia, ora, in Italia. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: