LATINA, CISL FP evidenzia i ritardi e sollecita la contrattazione nei Comuni e nella Provincia di Latina

3 minuti di lettura

Ecco il comunicato stampa della CISL FP di Latina che evidenzia i ritardi e sollecita la contrattazione nei Comuni e nella Provincia di Latina.

Nei giorni scorsi la nostra organizzazione sindacale ha inviato una nota al Presidente della Provincia di Latina ed ai Sindaci dei Comuni del territorio provinciale di Latina per sollecitare la convocazione delle delegazioni trattanti per la ripartizione del salario accessorio. Purtroppo, abbiamo constatato che in sole due amministrazioni, Sezze e Sermoneta, si è conclusa la trattativa nei primi mesi dell’anno, come in effetti dovrebbe accadere in base alle vigenti norme contrattuali. Già lo scorso anno, nella stragrande maggioranza delle amministrazioni, la trattativa si è svolta e conclusa nei mesi di novembre e dicembre, non permettendo ai sindacati di poter svolgere un ruolo di programmazione e scelte previsto dai contratti sulla ripartizione delle risorse, ma di mera rendicontazione di quanto già avvenuto durante l’anno presso gli enti.

Il timore è che anche per il 2021 succeda la stessa cosa e per questo la CISL FP di Latina, evidenziando nel contempo il grande lavoro svolto dai dipendenti delle funzioni locali in questo anno di lockdown e zone rosse, ha chiesto con urgenza le convocazioni da parte degli enti ed un encomio da parte del Presidente della Provincia di Latina e dei Sindaci, ai dipendenti che hanno svolto la loro attività in presenza garantendo l’erogazione dei servizi ai cittadini. In molto enti devono essere erogata la performance addirittura del 2019 ed ancora devono essere pagate ai lavoratori alcune indennità e performance del 2020, per questo abbiamo chiesto il pagamento delle competenze degli esercizi finanziari precedenti entro e non oltre il mese di giugno di quest’anno. Per tutti questi motivi abbiamo chiesto agli enti un’urgente convocazione entro e non oltre 15 giorni dal ricevimento della nostra nota ed in caso contrario inizieremo a valutare le iniziative sindacali che riterremo più opportune per la tutela dei diritti dei lavoratori“.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: