BASSIANO, questione Coluzzi ancora non risolta: Guidi rischia di essere abbandonato dalla sua maggioranza

5 minuti di lettura

Non si è ancora spenta l’eco a Bassiano sulle scelte che il sindaco Domenico Guidi intende adottare rispetto al reintegro di Angela Coluzzi tra i funzionari dell’ente comunale. Dopo quanto accaduto il mese scorso, con i momenti di frizione tra l’ex dirigente, la nuova segretaria Francesca Parisi (che poi ha abbandonato il suo nuovo incarico) e il responsabile del settore Affari Generali, Fabio Ciolli, la situazione non sembra affatto essere stata risolta dal primo cittadino, che intanto lo scorso 31 marzo è stato costretto a revocare il suo stesso decreto (datato 15 febbraio ma sottoposto all’attenzione anche della commissione Trasparenza) che assegnava ad Angela Coluzzi l’incarico di dirigente (nominandola invece Posizione Organizzativa), ma poi non ne ha permesso la pubblicazione, scatenando le lamentele della sua stessa maggioranza, con diversi consiglieri e assessori a non capacitarsi di questa “ostinazione” di fronte ad una situazione che appare chiarissima e che a Bassiano, da organigramma, non prevede alcuna funzione dirigenziale.

Al sindaco è tornato a scrivere anche Fabio Ciolli, di fatto declassato rispetto ai suoi ruoli di responsabile del settore Affari Generali e di quello ricoperto all’interno dell’ufficio tecnico, che in una nota ha sottolineato: “L’approvazione di avviso pubblico per la formazione di un elenco professionisti ai fini dell’affidamento incarichi di progettazione e attività tecnico amministrative connesse, di importo inferiore alla soglia comunitaria non è stato proposto dal sottoscritto. Inoltre chiedo chiarimenti in riferimento alla nomina del geometra Fulvio Ferrua come responsabile dell’ufficio tecnico comunale, così come indicato nell’avviso pubblicato nell’albo pretorio del Comune, all’interno della stessa delibera”. Al primo cittadino, inoltre, ha scritto anche Sonia Tondo, segretario provinciale della CGIL Fp Lt-Fr che, in una nota indirizzata anche ai componenti della Giunta, al presidente della Delegazione Trattante, al Revisore dei Conti e al responsabile dei servizi del Comune di Bassiano, ha scritto: “Chiediamo informazioni in merito alla pianificazione del fabbisogno del personale per le annualità 2021-2022–2023, la deliberazione di giunta che ha approvato il piano triennale dei fabbisogni di personale, struttura organizzativa dell’ente, ricognizione annuale di personale e programmazione dei fabbisogni di personale”.

Nello specifico si chiede se sono state considerate le disposizioni e le linee di indirizzo del Ministro della Pubblica Amministrazione, se l’ente può procedere ad ulteriori assunzioni di personale e se tra le assunzioni ci sono spazi per le figure articolo 110 e altre forme contrattuali, oltre a chiedere in che limite di spesa l’ente può procedere a ulteriori assunzioni di personale. Nel caso non arrivassero risposte, la stessa organizzazione sindacale ha precisato che si rivolgerà alle autorità competenti. Una situazione, quella che si è creata nel borgo lepino, che ha naturalmente avuto anche pesanti ripercussioni politiche, con una parte della maggioranza che sembra essere sul punto di abbandonare lo stesso sindaco, non avendo da lui ottenuto alcun tipo di risposta alle tante domande che in queste settimane gli sarebbero state poste sul reintegro in servizio di Angela Coluzzi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: