UE, Procaccini: “Noi coerenti, voti M5S su risoluzione rischiano di bloccare Recovery Fund”

2 minuti di lettura

La collega Laura Ferrara del M5S, nella foga di alimentare l’immagine di una opposizione anti-italiana, non è stata attenta. Non ha avuto modo di leggere la risoluzione che ha approvato nè le dichiarazioni di Fratelli d’Italia in cui abbiamo ampiamente motivato la nostra astensione. Sarebbe bastato leggere, e avere un briciolo di onestà intellettuale, per riconoscere che oggi a Bruxelles non si votava si o no al Recovery Fund bensì la posizione del Parlamento Europeo in vista del negoziato col Consiglio. E paradossalmente proprio la risoluzione approvata con i voti M5S minaccia di bloccare il Recovery Fund tanto sbandierato da Conte, mettendo in evidenza tanti punti critici che Fratelli d’Italia va ripetendo da settimane mentre i grillini convertiti all’europeismo ideologico fanno finta di non vederli.

Quanto alle risorse proprie, abbiamo ribadito ancora una volta la disponibilità a tassare i colossi del web e della finanza o le merci cinesi realizzate senza rispettare i nostri standard. Peccato che nell’accordo firmato da Conte tutto questo sia stato rimandato a data da destinarsi mentre invece da subito scatteranno tasse europee sulle aziende italiane, da sommare a quelle nazionali già introdotte dal governo giallorosso. Ai grillini piacciono tanto le “risorse proprie”, peccato che siano “proprie” delle imprese italiane”.

E’ quanto dichiara l’eurodeputato di Fratelli d’Italia-ECR Nicola Procaccini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: