LATINA, Bellini (LBC) si espone sulla necessità di tutelera il decoro urbano a seguito del caso degli alberi di viale Mazzini

4 minuti di lettura

“Siamo d’accordo con l’architetto Massimo Rosolini sulla necessità che una città sia bella e che mantenga il decoro nel nucleo storico come nelle periferie. Tuttavia ci sentiamo piuttosto sicuri del fatto che nel caso degli alberi di Viale Mazzini fosse necessario stabilire un altro ordine di priorità e dare il massimo perché fosse garantita la sicurezza dei cittadini in una zona che è frequentata, ogni giorno, da centinaia di studenti e lavoratori e che fa parte del centro storico della città. Tutti ricordano come gli eventi atmosferici dello scorso autunno hanno ridotto il nostro territorio e quanto hanno spaventato i residenti di Latina e dintorni, e dello stesso Viale Mazzini.C’è una relazione del 2016, che oggi abbiamo affrontato in commissione Ambiente, la quale racconta in maniera molto tecnica e precisa quanto fosse importante intervenire per eliminare le piante pericolose”, lo dichiara in una nota il capogruppo di Latina Bene Comune, Dario Bellini, proseguendo: “In questi tre anni abbiamo cercato soluzioni per salvare le alberature, ma purtroppo anche gli ultimi sopralluoghi effettuati con gli agronomi e i tecnici comunali hanno dato esito negativo, per cui gli uffici ne hanno disposto il taglio. Va detto che nonostante questo il bilancio delle piantumazioni è più che positivo nella città di Latina: dal nostro insediamento siamo ad oltre 2000, a fronte di un taglio di 300 piante. Bisogna inoltre ricordare che Viale Mazzini non resterà spoglio, ma al posto dei pini saranno piantumati dei lecci e saranno messi a dimora anche nuovi platani, così da ricomporre integralmente i filari preesistenti. Non rispondiamo invece alle polemiche che alcuni consiglieri di minoranza stanno sollevando in queste ore su una presunta mancata programmazione, perché sul tema ambientale siamo sempre stati molto attenti: l’azienda speciale Abc ha già effettuato una mappatura di tutte le piante e del loro stato presenti sui marciapiedi della città; abbiamo anche emanato un bando per una figura tecnica che mappi l’intero capoluogo e ci dica quali e quanti alberi tagliare oppure manutenere, e tale figura sta per essere individuata”. Infine, Bellini chiosa sottolineando la necessità di prediligere la sicurezza dei cittadini: “Pertanto, come ampiamente dimostrato in commissione oggi, l’amministrazione si muove, nella facoltà concessa dalle risorse in essere, nel solco dell’indirizzo politico dato: programmare per piantumare e mantenere la sicurezza dei cittadini. Colgo l’occasione per invitare tutti i cittadini all’assemblea pubblica che si terrà il 21 febbraio ore 17:30 al Park Hotel per parlare invece di Strada della Rosa”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: