ROMA, il colore di Erika Mallardi omaggia la settimana del Cinema

5 minuti di lettura

L’arte di Erika Mallardi ha conquistato i visitatori dell’evento “Proiezioni”, una kermesse artistica in scena all’Acquario Romano con “Artelive360” e “Galleria Purificato.Zero” per omaggiare il grande schermo nella settimana dedicata al cinema. Venti artisti contemporanei, animatori della scena romana, sono stati coinvolti in un’esperienza di atelier performativi presso lo storico edificio già sede della Casa dell’Architettura. Il legame tra l’arte e il cinema è molto stretto e segue il termometro delle pulsioni sociali; l’intensità del tratto e la profondità della prospettiva hanno ispirato registi di ogni epoca. Finalmente, dopo il periodo pandemico, si è potuto riassaporare il fascino dell’estemporaneità dell’arte: un flusso ininterrotto di performance e live painting dove gli spettatori hanno potuto godere di un percorso esperienziale con la creazione. Il ricco programma è stato condotto con la mediazione  cinema e architettura che hanno coinvolto tutte le arti, dalle installazioni alle performance concettuali, letture e dibattiti dal 13 al 23 ottobre con ingresso gratuito. L’artista apriliana Erika Mallardi è stata selezionata a far parte dei venti espositori con alcune delle sue tele pittoriche e delle “sedie d’artista” oltre a catalizzare l’attenzione del pubblico con la realizzazione di un’opera en plein air. Mallardi, classe ’78, nata a Bari ma residente ad Aprilia, inizia a dipingere presso l’Associazione Arte Mediterranea, nella quale tuttora opera attivamente come socia direttiva e ama dire di sé: “L’Arte in tutte le sue forme mi ha sempre attratto e grazie alla mia passione che va maturando di continuo mi è stato permesso di farmi apprezzare e conoscere nell’ambiente cittadino. La mia libertà sulle varie tecniche, ha caratterizzato un’ assoluta espressione personale, caratterizzandomi da tratti e colori che vanno a darmi una riconoscibilità artistica. Dipingo in maniera spontanea, lasciandomi trasportare dalla forte influenza del colore”. La forma delle sue opere viene, infatti, semplificata tramite l’uso di una vasta gamma cromatica che diventa un tutt’uno con il contorno dei soggetti. Una sorta di eliminazione della prospettiva, appiattimento dello spazio e abolizione, quasi totale, del disegno o delle linee che contornano i soggetti, che viene sostituita da pennellate date per tocchi veloci di colori brillanti. Molte delle sue opere fanno parte sia in Italia che all’estero di collezioni private; menzione particolare per la Sedia d’Autore “Rain” annoverata nella collezione privata da Maria Luisa Gavazzeni Trussardi. Collabora con Biancorovo per la linea Schiaffodoro: un connubio tra pittura e scultura alla ricerca di un’armonia tra colore e supporto tridimensionale. Ha partecipato a diverse mesposizioni sia personali che collettive: Sala Manzù (Aprilia) anni 2016/2018/2020 – Palazzo Caetani (Cisterna di Latina) – Galleria Art Saloon (Ariccia) – Scuderie Estensi (Tivoli) – Castelforte (Nettuno) – Location Bitter Porto (Isola di Ponza) – Palazzo Velli (Trastevere Roma) – Cinema Teatro Marconi a cura di G.Grasso (San Cataldo) – Expo Roma Battello Gilda sul Tevere – Expo Lega Navale Ostia – Asta di beneficenza a cura del Prof. Giorgio Gregorio Grasso (diretta Sky arte) – Expo ArtTownSolidarte– evento Galleria della Memoria (liceo Meucci Aprilia)–personale “CambiaMenti” – mostra itinerante VitaNova: biblioteca Vaccheria Nardi (Roma), borgo di Fossanova, biblioteca Goffredo Mameli (Roma)– Golden ratio art Exhibition (palazzo Ruspoli) – Galleria Area Contesa via Margutta, personale dic 2021 Galleria Area Contesa via Margutta, Roma collettiva marzo 2022- Museo del Fiume con Galleria Purificato.Zero Nazzano romano collettiva Aprile 2022. Un’artista in continua evoluzione che sa improntare con i suoi colori la monotonia della quotidianità.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: