ROMA, Porta Portese, Santori-Picone (Lega): “Quadrante abbandonato e zero investimenti”

2 minuti di lettura

La sporcizia ha solo alimentato uno stato di degrado, abbandono e insicurezza che perdura da troppi anni. Saremo anche in questa occasione al fianco dei cittadini di Porta Portese, in strada per il contest ‘Er mejo monnezzaro’ a raccogliere rifiuti nella zona. Intendiamo offrire loro l’ennesimo supporto e dare voce alle loro giuste rimostranze con le varie Amministrazioni che si sono succedute, che si sono dimostrate sempre sorde e hanno attenzionato sempre altri quadranti cittadini. Questo quartiere avrebbe moltissime potenzialità se ci fosse il giusto coraggio per affrontare dossier complicati come il Pup 308 “ex Parco Ghetanaccio”, se si usasse il pugno duro per il contrasto allo spaccio, al bivacco e ai tanti sbandati che rendono il quartiere uno dei più insicuri di Roma durante la notte. Senza dimenticare le opere a scomputo presenti in via Bettoni, per non parlare del mercato storico di Porta Portese, dove anche l’amministrazione Gualtieri naviga a vista. Sfidiamo a trovare un quadrante di Roma dove si incastrano così tante problematiche e criticità. Proprio per questo pretendiamo ora un’attenzione particolare sia dal Municipio XII che dal Sindaco Gualtieri. Porta Portese, lo ricordiamo, ha incassato zero euro di investimenti straordinari a bilancio sia nel quinquennio Raggi che nel primo anno di Gualtieri. Questo trend deve finire, ora“. È quanto dichiarano in una nota Fabrizio Santori, consigliere capitolino, e Giovanni Picone, capogruppo della Lega al Municipio XII.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: