CALCIO, Latina-Di Donato: la storia continua con tante ambizioni per il futuro

4 minuti di lettura

Nella mattinata di oggi la società Latina Calcio 1932 ha organizzato una conferenza per comunicare ai giornalisti e a tutti i tifosi il rinnovo del tecnico Daniele Di Donato, per altre due stagioni.

Durante l’incontro con la stampa, alla presenza oltre che dell’allenatore anche del Presidente Antonio Terracciano e del vicepresidente Giuseppe D’Apuzzo, sono stati trattati diversi temi, sia per quanto riguarda gli obiettivi futuri che per l’allestimento della rosa che dovrà affrontare il prossimo campionato di Serie C. Dando uno sguardo alle prossime tappe, un pre-ritiro prenderà il via il 4 luglio, mentre la stagione inizierà ufficialmente il 18 luglio sui campi di allenamento della Ex Fulgorcavi. Quello che emerge da questa conferenza, è che sta per nascere un Latina sempre giovane ma ancora più ambizioso, con le idee chiare per far tornare a vivere a questa città i fasti di qualche stagione fa.

Di seguito alcuni estratti delle dichiarazioni del Mister Daniele Di Donato: “Come avevo detto alla fine del campionato scorso, il mio obiettivo era quello di continuare il percorso qui a Latina. Dovevo parlare con la società e capire quello che avevano intenzione di fare. Abbiamo avuto diversi incontri e ho capito che anche la società ha la stessa mia ambizione, quella di crescere, di fare qualcosa in più e di alzare l’asticella e quindi mi ha facilitato questa scelta, perché è una società ambiziosa, che vuole crescere ancora come il sottoscritto e tutto il resto è venuto di conseguenza.

Adesso sta a noi lavorare e cercare di migliorare la classifica dello scorso anno e questo vuol dire arrivare ai play off nel prossimo anno. L’obiettivo è quello, siamo ambiziosi”.

Sulla costruzione della rosa per la prossima stagione il tecnico si è poi così espresso: “In tutti i reparti abbiamo bisogno di tasselli di esperienza, di ricambi importanti e la società è d’accordo di intervenire. Adesso dobbiamo cercare di lavorare bene, di non farci prendere dalla fretta e di fare acquisti mirati che ci possano garantire di migliorare questa rosa. Qualche nome lo abbiamo fatto e ci stiamo già lavorando. È normale che, a volte, quando si ha avuto a che fare con dei ragazzi che hanno fatto bene con me, che conosco bene e per facilitare l’inserimento, è normale che si preferisce prendere questo tipo di giocatori piuttosto che prenderne altri”.

Luigi Calligari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: