PALLAMANO FEMMINILE, l’HC Cassa Rurale Pontinia superata (28-30) dalla capolista Brixen

5 minuti di lettura
HC CASSA RURALE PONTINIA – SSV BRIXEN SUD TIROL 28-30 (13-13 p.t.)
HC CASSA RURALE PONTINIA: Ramazzotti, Di Giugno, Cialei, Podda 6, Squizziato 2, Di Prisco, Conte 2, Colloredo 3, Bianchi, Bernabei, Davoli, Rueda, Bassanese 6, Panayotova, Barbosu 9. All. Nasta – Bellotti
SSV BRIXEN SUD TIROL: Pruenster, Eder, Shatzer, Hilber 5, Di Pietro 9, Duran 6, Ucchino 4, Pernthaler, Babbo 5, Ghilardi 1, Sozio, Vikoler. All. Noessing
Arbitri: Ciro Cardone e Luciano Cardone
L’HC Cassa Rurale Pontina esce sconfitto (28-30) dalla sfida con la capolista Brixen Sud Tirol nel match valido per la nona giornata d’andata del campionato di serie A Beretta femminile. La squadra guidata dai coach Giovanni Nasta e Matteo Bellotti, al termine di un match equilibrato e condotto per lunghi tratti, ha pagato il gran finale della prima della classe nei minuti finali: dal 25-26 al 28-30 che ha chiuso i giochi. Alla luce di questo risultato il Brixen consolida il primo posto con 17 punti (otto vittorie e un pareggio) mentre il Pontinia resta ferma a 10 punti, in quarta posizione, con un bilancio di quattro vittorie, due pareggi e tre sconfitte. «Bisogna riconoscere che i nostri avversari hanno avuto qualcosa in più e hanno saputo sfruttare le conclusioni dai sei metri dove noi ci siamo persi nel finale ma ci tengo a dire che sono soddisfatto perché le mie giocatrici hanno lottato e di questo sono soddisfatto – ha chiarito coach Giovanni Nasta a fine partita – Nel finale è mancata la freddezza e la capacità di concludere quello che di buono avevamo creato: siamo stati più fallosi nella parte più importante della sfida. Il nostro percorso prevede tante situazioni che ci permettono di crescere, dobbiamo essere più cinici nei momenti importanti e far giocare gli avversari con qualche pressione in più».
Per tre quarti di gara la partita è stata piuttosto equilibrata (7-5, 7-7, 8-10, 11-11) con il Brixen a piazzare una serie di mini-break sempre colmati dal Pontinia che grazie a Podda e Conte chiude in recupero il primo tempo sul 13-13. Al ritorno in campo è proprio la squadra del presidente Mauro Bianchi a spingere (14-13, 16-17, 19-18). Nel finale Podda si fa ipnotizzare da Pruenster ma subito rimedia Colloredo con il 27-29, poi nell’ultimo minuto il Brixen legittima il suo successo con il 28-30 finale. In grande evidenza i due portieri con Ramazzotti da una parte e Pruenster dall’altra: per il Pontinia Barbosu ha timbrato nove volte, sei gol ciascuna per Podda e Bassanese, mentre per il Brixen la precisione di Di Pietro è stata accompagnata anche da Duran, Babbo e Hilber. «Sapevamo che sarebbe stata una sfida complicata e nel finale c’è mancata un po’ di freddezza, ora dobbiamo continuare così a lavorare bene con gli allenamenti» ha ammesso Rocio Squizziato (Pontinia). «Nella scorsa stagione abbiamo pareggiato due volte e devo dire che devo fare i complimenti al Pontinia perché con le aperture e le traiettorie e con una grandissima Barbosu non solo ci hanno messo in difficoltà ma erano addirittura alla pari: voglio fare i complimenti alle mie giocatrici perché hanno dato tutto dopo una trasferta così lunga per noi. Alla fine ci abbiamo creduto di più».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: