PRIVERNO, dal 25 al 28 novembre quattro spettacoli chiudono l’iniziativa “Teatro Aperto”, ideata da Matutateatro

5 minuti di lettura

Si sta per concludere la programmazione di “Teatro Aperto”, l’iniziativa ideata e diretta da Matutateatro, finanziata dalla Regione Lazio, che da settembre ha ospitato presso il Teatro Comunale di Priverno diversi eventi, tutti tesi alla promozione culturale e artistica, con spettacoli teatrali dal vivo, concerti, reading, incontri con autori, corsi di formazione artistica, rassegne cinematografiche, ecc.

A conclusione dell’iniziativa, da giovedì 25 a domenica 28 novembre, si alterneranno sul palco del Teatro Comunale quattro compagnie di teatro amatoriale, per dare spazio anche alla cittadinanza e ad alcune realtà non professionali, ma molto importanti e attive nel territorio.

Si comincia giovedì 25 novembre alle ore 21 con lo spettacolo “Pinocchio. Fiaba nera” della compagnia Neurone Specchio, con Francesca Del Carmen e Gianni Vitarelli, voce narrante Angelo De Nardis, al pianoforte Carmine Pongelli, alla consolle Skullface91. Neurone Specchio lavora spesso sulla dissacrazione e il ribaltamento dell’interpretazione delle favole e stavolta ha messo mano all’opera più famosa di Collodi, Pinocchio, gridando al proprio pubblico che non è una favola per bimbi, anzi… Lo spettacolo percorre i luoghi e le atmosfere di quei sogni e di quegli incubi causati della fiaba di Collodi.

Venerdì 26 novembre alle ore 21 sarà la volta di “Questo corpo. Voci di donne”, uno spettacolo della compagnia Diritto&Rovescio, con Marina Martini, Letizia Giorgi, Cristina Giorgi, Simona Giorgi, Alba De Vincenzo, Ilaria Guarnacci, Elisa Pucci, Mauro Guarnacci. É un viaggio attraverso le donne e il loro corpo, passando dal dramma allo humour, tra parole, versi e note. Si parla di dolori, di stereotipi di genere, di confessioni, di figli, di ribellioni e di ironie salvifiche. Storie di bambine, di graziose, di madri, di vittime del presunto amore, di femme fatale, di veneri attempate e di principessine ribelli.
In occasione della “Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne”, è uno spettacolo che vuole rendere omaggio alla bellezza e alla fatica dell’essere donne.

La commedia dialettale “Fb_Forever(e)” di Anna Maria Scampone andrà in scena sabato 27 novembre alle ore 21, interpretata dal gruppo teatrale Purpurin di Priverno. La storia è imperniata sui personaggi di Tuta e Pasquale, una coppia di anziani coniugi che, per essere al passo coi tempi e, soprattutto per cercare marito alle due figlie, si iscrivono a Facebook. Nel giro di pochi giorni, Tuta si fa fagocitare dal social e anche Pasquale sembra averci preso gusto, soprattutto perché ha perso la testa per una donna, ma quello che non sa è che si è invaghito di un profilo fake…tante risate e divertimento assicurato!

Chiude la rassegna domenica 28 novembre alle ore 18 lo spettacolo “La legge è uguale per tutti. Se le sapeva n’è faceva” di Alba Marteddu, con la regia di Rosella Tacconi, e gli interpreti della compagnia Giù la maschera al suo debutto a Priverno. Una commedia in tre atti che narra le vicende tragicomiche di una famiglia in procinto di maritare una figlia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: