LATINA, concorso Asl, Calandrini: “Bene l’annullamento, ma non finisce qui”

3 minuti di lettura

Ecco le dichiarazioni del senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini sul concorso Asl.

Apprezzo la decisione del direttore della Asl di Latina Silvia Cavalli, di annullare il concorso su cui sta indagando la Finanza. Sullo svolgimento, gli esclusi hanno aperto uno squarcio su procedure
dubbie che hanno portato ad una graduatoria di “meritevoli” fatta di parenti e amici di dirigenti interni e politici in quota centrosinistra. Stranezze messe ben in risalto dalla delibera di annullamento del concorso firmata dal direttore Cavalli, dove si parla ad esempio di parenti dei concorrenti presenti come personale di vigilanza nei giorni delle prove scritte, di comportamenti anomali della commissione esaminatrice, oltre che dell’indagine in corso dalla Finanza.

Bene che si sia deciso di annullare tutto e ripetere il concorso, stavolta con la speranza di dare uguali opportunità a tutti coloro che vorranno partecipare. Ad ogni modo Fratelli d’Italia non lascerà che si spengano i riflettori su questa vicenda. L’annullamento del concorso non cancella quanto accaduto sulla quale le istituzioni competenti hanno il dovere di fare la massima chiarezza, in attesa che si svolgano anche gli accertamenti da parte della Guardia di Finanza. Stiamo ancora aspettando le spiegazioni dal governatore Zingaretti, il quale evidentemente in imbarazzo, non ha ancora risposto all’interrogazione presentata in Regione dal consigliere Righini. Così come auspico possa arrivare a breve anche un riscontro dal ministro Brunetta a cui ho presentato un interrogazione in merito in Senato. Fratelli d’Italia è determinata ad ottenere tutte le risposte ai quesiti che sono stati posti”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: