LATINA, vaccini in azienda. La campagna di adesione di Confapi Latina

4 minuti di lettura

Avviare le vaccinazioni nelle aziende attraverso l’operato dei medici del lavoro. La proposta lanciata da Confapi lo scorso mese di dicembre e condivisa da altre associazioni imprenditoriali e dall’ex ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, sembra diventare sempre più concreta e consiste nell’effettuare le vaccinazioni nei luoghi di lavoro, proseguendo nel percorso unitario che ad aprile 2020 portò alla sottoscrizione del Protocollo per il contrasto al Covid-19 da parte di Governo, imprese e sindacati.

Confapi Latina, al fine di favorire l’accelerazione della attuale campagna vaccinale, attualmente unico strumento per il contenimento della diffusione del Covid-19, ed al fine di tutelare meglio la salute e sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, invita tutte le aziende di qualsiasi settore merceologico e dimensione, a segnalare la loro disponibilità. La campagna prevede la somministrazione del vaccino, da parte del medico competente, nelle aziende produttive, esclusivamente ai lavoratori con residenza o domicilio nel territorio Laziale. L’adesione alla campagna vaccinale da parte dei lavoratori è volontaria.

In attesa della definizione del protocollo di regolamentazione regionale o nazionale, CONFAPI è parte attiva per la fase di programmazione della campagna. Le attività previste potranno contribuire a diminuire il carico sulle strutture sanitarie; costituiscono quindi, un ulteriore canale di somministrazione delle vaccinazioni anti Covid-19 che non supera le priorità individuate a livello nazionale e regionale (confermate e rispettate).

Lo schema proposto da Confapi si articola su tre fasce. La prima, prioritaria, è quella della bolla aziendale. Il medico aziendale vaccina solo i dipendenti dell’azienda dove lavora. Per le aziende che non hanno i locali idonei alla vaccinazione si passa alla seconda fascia: è l’associazione di categoria, provinciale o comunque territoriale, a mettere a disposizione locali idonei per permettere la vaccinazione, sempre solo dei dipendenti ma di più aziende. A vaccinare è sempre il medico aziendale che presta la sua attività anche fuori dalla sua azienda, a servizio appunto delle altre ubicate su un determinato territorio. L’ultimo step è costituito dalla messa a disposizione di spazi esterni all’azienda (di sua proprietà) come parcheggi e capannoni. Spazi da destinare a una vaccinazione sociale, agli esterni. Per la manifestazione di interesse, si può scrivere a info@confapilatina.it, indicando oltre ai dati anagrafici aziendali, il numero dei lavoratori coinvolti e la disponibilità del proprio medico competente.

Il Presidente di Confapi Latina, ing. Michele Volpe commenta positivamente l’iniziativa: “Vaccinare i lavoratori in ambienti sicuri e garantiti, evitando lo spostamento delle persone e con la collaborazione dei medici del lavoro, servirà ad accelerare la campagna di vaccinazione e a garantire la puntualità negli impegni presi e quindi consentire una più rapida ripresa del sistema produttivo e in generale della società, coniugando salute e lavoro.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: