Genitori e figli adolescenti: è in libreria il saggio “Il genitore strategico”

7 minuti di lettura

Proprio nella giornata dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è uscito l’ultimo lavoro degli psicologi Maria Tinto e Ludovico Carnile: “Il genitore strategico. Vincere le sfide senza combatterle” per Csa Editrice. Un titolo evocativo che lancia una sfida per una genitorialità consapevole, indicando strategie a supporto del difficile mestiere di genitore.  C’è un momento della vita caratterizzato dalla capacità autodistruttiva più possente per il genere umano, l’adolescenza. Un periodo vissuto dai genitori come una condanna e dai figli con un’angoscia a tratti devastante. E’ questo il tempo in cui si fanno azioni e scelte che comprometteranno e contamineranno la propria vita, spesso in modo irreversibile. Per molti ragazzi l’adolescenza è una trappola, da cui non sono in grado di uscire, per altri uno stato confusionale, in cui continuano a permanere nel tempo. Troppo abituati come siamo agli stereotipi e alle diagnosi, quando parliamo di adolescenti, non teniamo conto delle trasformazioni che avvengono in quest’età a livello mentale e quanto siano importanti le relazioni di attaccamento infantili, per scongiurare i pericoli a cui gli adolescenti saranno esposti. Il libro è diviso in tre parti principali, ciascuna con l’intento di mettere in luce quelli che sono i principali pericoli a cui i ragazzi sono esposti, e le conseguenti alterazioni psicologiche a cui possono andare incontro. Dalle paure trasmesse dai genitori, alle alterazioni mentali dovute alla condizione di fragilità emotiva, dal ritiro sociale degli Hikikomori, alle aberrazioni emotive dei “smemorandi” digitali, dai pericoli in aumento del Web, a quelli devastanti delle droghe. Il genitore strategico, si oppone ad una lettura riduttiva dell’essere umano, ma attraversa il terreno della soggettività umana, proponendosi come un valido strumento di aiuto familiare, non solo per i genitori ma anche per educatori, terapeuti della famiglia e chiunque a qualsiasi titolo si occupa di adolescenti. Una ricca panoramica di temi, messa a punto per aiutare a comprendere efficacemente e superare in maniera strategica l’età dell’adolescenza. Inoltre, arricchiscono la lettura episodi di casi reali, che tratteggiano in modo esauriente e interessante le tematiche trattate. Pensiamo che la conoscenza in un ambito così vasto e continuamente in evoluzione non sia mai abbastanza, per fronteggiare le difficoltà in cui potrebbero trovarsi i giovani. Il dovere di un “genitore quasi perfetto” è quello di guidarli e sostenerli nella loro crescita, cercando di non invadere il loro spazio vitale, ma standogli affianco proprio come un “modello che modella”.

Maria Tinto è Psicologa Clinica e Psicoterapeuta a indirizzo breve strategico, Giorgio Nardone model’s. È laureata con lode e iscritta all’albo degli Psicologi del Lazio. Si è specializzata in Disturbi della Sessualità presso l’Università di Pisa. Esperta in Psicologia del trauma, è Educatrice Professionale socio-pedagogica e Consulente Giuridico e Giornalista. Attualmente è psicoterapeuta ufficiale del Centro di Terapia Strategica di Arezzo e svolge la sua attività di psicoterapeuta presso gli studi di Roma e Caserta. Si occupa di ricerca nell’ambito delle dinamiche disfunzionali sia della famiglia che della coppia. Appassionata di scrittura e di poesia, ha pubblicato due libri di poesie “Come un volo di gabbiani” nel 1989 e “Emozioni intumescenti” nel 2006. Nel 2017 ha pubblicato con Fabbrica dei Segni l’opera “I bambini non nascono cattivi”, saggio sull’infanzia e sulle difficoltà dei genitori con i figli minori, con il quale vince il Premio letterario nazionale “Autori Italiani”. È l’autrice del manuale “Coronavirus: strategie per fronteggiare le insidie psicologiche” pubblicato in eBook nel 2020.

Ludovico Carnile è laureato in Psicologia con lode, psicoterapeuta a indirizzo breve strategico Giorgio Nardone model’s. È psicoterapeuta Ufficiale del Centro terapia Strategica di Arezzo. Svolge la professione presso gli studi di Caserta e Torre del Greco ed è docente per l’area sociale e psicologica presso agenzie di formazione accreditate dalla Regione Campania. Ha pubblicato “Co-esserci, esperienze gruppali di counseling fenomenologico” con Kimerik nel 2004. Ha pubblicato sul libro “Salute mentale, migrazione e pluralismo culturale” il testo “Crisi della presenza e abuso di sostanze: una prospettiva transculturale”, editrice ALPES. Ha pubblicato sul libro “Nella terra di Nessuno…”, Edizioni Universitarie Romane, il testo “Giano il mio autre monde”. Nel 2013 ha collaborato alla stesura dell’opera “Appunti per l’esame di Principi e Fondamenti del Servizio Sociale” edita da Univèrsitas Books.

Una guida a supporto delle criticità che ogni genitore incontra nel rapportarsi con le problematiche adolescenziali, e anche per gli educatori che spesso non hanno strumenti per fronteggiare gli atteggiamenti problematici dei ragazzi.

Antonia Rizzo

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: