ROCCAGORGA, le opposizioni interrogano la maggioranza sulla questione della videosorveglianza

2 minuti di lettura

Quello della sicurezza a Roccagorga, soprattutto nella zona del centro storico, nelle ultime settimane è tornato ad essere un tema caldo, tanto da spingere le opposizioni consiliari, i due gruppi (Uniti per Roccagorga e Partito Democratico) composti da Frateschi, Cipolla, Tullio e Atrei, a presentare un’interrogazione. Nel documento protocollato che verrà discusso in occasione del prossimo consiglio comunale, le minoranze sottolineano come sia le linee politiche programmatiche della maggioranza, sia il Dup, prevedevano un grande investimento nell’area ordine pubblico e sicurezza.

Ma così non è stato, tanto da spingere le opposizioni ad affermare: “In merito alla situazione degli impianti di videosorveglianza, si riscontrano alcune problematiche: non vengono effettuati investimenti o manutenzioni agli impianti di videosorveglianza dal 2019, in quanto dopo lo spostamento di parte del personale di Polizia Locale, il monitor con la gestione del software di videosorveglianza è stato lasciato nel vecchio ufficio e da circa un anno è inutilizzato e inaccessibili al controllo; su 4 telecamere installate 4 telecamere risultano funzionanti ma inutilizzate o spente; gli impianti ed i relativi software gestionali non permettono un controllo puntuale degli accessi e un efficace utilizzo degli stessi”. Da questi presupposti, le richieste di conoscere i motivi per cui non sia stato attuato uno dei punti centrali della politica amministrativa, conoscere i motivi per cui non è stata ripristinata la funzionalità delle telecamere e conoscere le intenzioni dell’amministrazione sul delicato tema.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: