Un auditorium “San Michele Arcangelo” pieno zeppo di amministratori, esperti del settore ma anche di tante persone curiose di conoscere approfonditamente le bellezze naturalistiche del territorio, ha fatto da cornice alla presentazione, sabato mattina, dell’Atlante della Biodiversità floristica dei Monti Lepini, la cui pubblicazione è stata curata dalla Compagnia dei Lepini e realizzata dalla Edizioni Belvedere, che hanno puntato a mettere in luce, ancora una volta, l’elevato valore naturalistico del territorio dei Monti Lepini, oltre al valore floristico e vegetazionale che contribuisce in maniera fondamentale al disegno paesaggistico. A fare gli onori di casa, dopo l’intervento di apertura di Pietro Ceccano, assessore del Comune di Sezze che ha portato, tra l’altro, i saluti del sindaco, il presidente della Compagnia Quirino Briganti, che nel suo intervento ha spiegato i motivi che hanno spinto a realizzare uno strumento così completo per la conoscenza del territorio: “Abbiamo voluto realizzare questo testo con rigore scientifico e con approccio divulgativo per raccontare a tutti, esperti e appassionati, quanta e quale ricchezza di specie e comunità vegetali sono presenti sul territorio. Una ricchezza, quella dei Monti Lepini, che è legata all’elevata diversità di ambienti che caratterizzano questa catena montuosa, a sua volta dovuta all’eterogeneità climatica, geomorfologica, pedologica e di usi antropici che in essa è facile riscontrare”. Chiamati ad intervenire anche Salvatore La Penna, consigliere regionale del Pd, ed Enrica Onorati, assessore nella giunta guidata da Nicola Zingaretti, che ha confermato l’attenzione della Pisana ad iniziative di questo genere, cui ne seguirà una dedicata alla fauna del territorio lepino. A concludere gli autori materiali del volume, che hanno spiegato in che cosa è consistito il loro lavoro, che ha dato un’altra importante impronta allo sviluppo e alla conoscenza di questa importante area geografica.