Sezze, SBC: “I primi (inutili) 30 giorni della nuova amministrazione”

3 minuti di lettura

“Quando il movimento SBC ha deciso di “scendere in campo”, affrontando, consapevolmente, le insidie e le difficoltà di un percorso politico faticoso ma entusiasmante, non potevamo immaginare che ci saremmo trovati a fronteggiare il nulla. Perché tale è il panorama di desolante inerzia che ci troviamo di fronte. E’ trascorso un mese dalla elezione del nuovo apparato politico e nessun segno di vitalità amministrativa ci giunge dal Palazzo. Dopo la fiorita cerimonia di insediamento del Consiglio, a cui è seguita la anomala presentazione di cinque cittadini, individuati quali assessori del nulla, ancora non ci è dato conoscere le funzioni e le attribuzioni di ciascuno. Cosa pensare? Perché il primo cittadino è in difficoltà nell’assegnare le deleghe? Non vogliamo credere che il lungo ( troppo lungo ) periodo trascorso dipenda dalla negligenza del neo Sindaco. Ma, d’altra parte, se tale pausa di riflessione dipendesse da altre cause: faide interne, necessità di accontentare i non eletti, insomma dalle famose logiche spartitorie a cui per decenni ci hanno abituati, la mancanza non sarebbe, evidentemente, meno grave. Per questo il movimento SBC ritiene che il Sindaco debba al più presto formalizzare gli incarichi alla sua Giunta senza deleghe, anzitutto per dare un segnale di rispetto ai cittadini che hanno accordato la loro fiducia a questo “nuovo” governo. Le gravi emergenze che purtroppo stanno flagellando il nostro territorio, non ultimo l’accanirsi degli incendi con una frequenza e una gravità che raramente abbiamo riscontrato, imporrebbero un intervento efficace e immediato del Comune, sotto il controllo e la direzione di un assessore all’Ambiente competente. Ma tale assessore non c’è. E mentre si continua a riflettere, ettari di bosco vanno in fumo”. E’ quanto sostengono in una nota i rappresentanti del movimento politico setino.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: