LATINA, neonata lasciata chiusa in auto per trenta minuti: un’impiegata e i carabinieri scongiurano il peggio

3 minuti di lettura

Su richiesta di un cittadino i Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagma di Latina sono intervenuti a Latina a seguito di un episodio che ha visto coinvolta una neonata che, a causa di una discussione tra i genitori, è stata lasciata, per circa 30 minuti, all’intemo dell’autovettura. Le grida della piccola hanno richiamato l’attenzione di una impiegata presso l’esercizio commerciale dove poco prima di due coniugi avevano pranzato e che, pur non essendosi mai allontanati dai pressi dell’autovettura, non avevano prestato attenzione alle richieste della fìglioletta. L’intervento della dorma, che ha altresì avvisato i soccorsi, ha permesso di estrarre la bambina dall’autovettura per portarla aU’intemo del locale climatizzato, dove harmo atteso rarrivo deH’ambulanza e dei Carabinieri.

La bambina, vigile e reattiva, è stata immediatamente trasportata presso il pronto soccorso dell’Ospedale “Santa Maria Goretti” di Latina e ricoverata presso il reparto di pediatria a causa dell’esposizione prolungata al sole. Le successive analisi di routine haimo inoltre evidenziato, a carico della minore, positività alla cocaina, motivo per cui la stessa è stata sottoposta a monitoraggio clinico, seppur si trovi in buone condizioni generali, tanto da permettere la dimissione nella giornata odierna. I genitori, le cui responsabilità sono al vaglio di questa Autorità Giudiziaria, fermo restando il principio di presunzione di irmocenza, sono stati deferiti per il reato di abbandono di minore. Nei loro confronti è stato emesso, a cura del Tribunale per i Minorenni di Roma, un decreto di sospensione dell’esercizio della responsabilità genitoriale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: