CORI, ha aperto a Cori il 2022 LATIUM WORLD FOLKLORIC FESTIVAL – CIOFF®

9 minuti di lettura

Nel segno della ripartenza dopo la pandemia, è tornato uno degli appuntamenti più attesi del folklore di Cori e del Lazio: il LATIUM FESTIVAL – Musiche e Danze popolari del mondo per una cultura della Pace – CIOFF® (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d’Arts Traditionnels. ONG Partner Ufficiale dell’UNESCO, accreditata sempre presso l’UNESCO nel Comitato per la salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale, ONG presente in circa 120 Paesi in tutto il mondo). Appuntamento culturale di primissimo piano nel panorama delle manifestazioni estive in regione, il Festival Mondiale del Folklore, quest’anno si sta svolgendo dal 29 Luglio al 10 agosto 2022.

Durante il Festival, la cittadina lepina ed altre città del Lazio diventano il “centro del mondo folkloristico” in cui si mescolano lingue, usi, tradizioni, canti e musiche, fondendosi nei mille colori del palcoscenico e nei cuori partecipi degli spettatori. Il messaggio che vuole diffondere la manifestazione è senza dubbio di pace, solidarietà e fratellanza tra le diverse culture del mondo. 

In questo anno 2022 il Festival sta coinvolgendo i territori di: ROMA, CORI, SEGNI, VELLETRI, PALIANO, BASSIANO, CISTERNA DI LATINA, FONDI, PROSSEDI, ROCCAGORGA ed AMATRICE.

In quest’ultima città il Festival, quest’anno, nella giornata del 4 agosto, ha portato il mondo intero, rappresentato nel LATIUM FESTIVAL dai diversi gruppi internazionali partecipanti in un caledoscopio di colori, musiche e danze tradizionali, quale segno di solidarietà, con animazione e spettacolo presso il centro cittadino e presso l’Area del Gusto, della Tradizione e della Solidarietà, non molto lontano dal centro storico martoriato dal terremoto del 2016.

Ed il Festival è stato nuovamente protagonista anche tra le Rovine Medievali e Giardino Botanico di NINFA e la CITTÀ DEL VATICANO.

Per il 2022 si stanno esibendo sei gruppi provenienti da tutti i continenti: BRASILE, CILE, COLOMBIA, GEORGIA, NUOVA ZELANDA e URUGUAY, oltre ad alcuni gruppi rappresentanti l’ITALIA.

A CORI, da domenica 7 agosto e fino a mercoledì 10 agosto 2022, presso il Teatro all’aperto che ha come splendida cornice il Tempio d’Ercole (I sec. a.C.), si esibiranno dal BRASILE il gruppo BACNARÉ” Balé de Cultura Negra della Città di Recife, dal CILE il gruppo Ballet Folclórico “BAFCACHILE” della Città di Carahue, dalla COLOMBIA la Compañía Artística “AAINJAA” della Città di Bogotà, dalla GEORGIA il gruppo Folk Ensemble “BAGRATI” della Città di Kutaisi, dalla NUOVA ZELANDA il gruppo MAORI “Te Mātārae i Ōrehu” Kapa Haka Group della Città di Rotorua, dall’URUGUAY il Ballet Folklorico “ABORIGEN” della Città di Canelones ed infine dall’ITALIA il Gruppo Folkloristico “MATRÙ” della Città di Amatrice, il Gruppo Folkloristico “GLI PAES MEI” della Città di Alatri, il Complesso Strumentale “FANFARRA ANTIQUA” della Città di Sermoneta (LT), la Compagnia Rinascimentale “TRES LUSORES” della Città di Cori e gli  SBANDIERATORI DEL LEONE RAMPANTE DI CORI .

Nell’«ANNO EUROPEO DELLA GIOVENTÙ 2022», l’edizione 2022 del LATIUM WORLD FOLKLORIC FESTIVAL – Musiche, Danze e Arti di Strada popolari del mondo per una cultura della Pace, della Solidarietà e della Tolleranza – CIOFF® è stata organizzata con il Patrocinio dell’UNESCO – ICH e del CIOFF® mondiale, del MINISTERO DEL TURISMO, del MiC – MINISTERO DELLE CULTURA, del MiC – DIREZIONE REGIONALE MUSEI LAZIO, del PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA CULTURA, dell’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, della REGIONE LAZIO, del COMUNE DI CORI, di ROMA CAPITALE e di alcune città del Lazio, dell’UNPLI – Unione delle Pro Loco d’Italia, dell’ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE VIE FRANCIGENE, del COMITATO DELLA VIA FRANCIGENA DEL SUD, della FONDAZIONE “ROFFREDO CAETANI” DI SERMONETA, con la collaborazione di Pro Loco, istituzioni ed associazioni culturali del territorio e tanti giovani volontari.

Una manifestazione il LATIUM FESTIVAL riconosciuta dalla REGIONE LAZIO come “Buona Pratica Culturale di Eccellenza”.

Quattordici giorni all’insegna della musica e della danza tradizionale, della musica folk ed etnica delle feste multietniche, “INTERCULTURA IN FESTA”, con l’offerta di degustazioni di pietanze gastronomiche locali ed etniche, con l’esposizione e vendita dell’artigianato tipico locale ed internazionale, delle Feste serali con la partecipazione di tantissimi giovani di tutto il mondo che parlano un linguaggio interculturale ed interreligioso.

La degustazione di VINI DI ECCELLENZA di Cori, MARCO CARPINETI, PIETRAPINTA e CINCINNATO, insieme ai prodotti tipici locali, come il PROSCIUTTO COTTO AL VINO di Cori è certamente una delle attività promozionali più importanti del Festival. 

Nella serata di sabato 6 agosto Cori e la sua manifestazione internazionale si sono rese protagoniste anche della presentazione del nuovo libro della Prof.ssa Elsa Di Meo, Presidente Associazione Culturale A.R.T.eS.I.A. di Roma, «LA CIVILTÀ DEL GRANO» (inseguendo l’anima del pane), Edizioni Efesto, presso il Chiostro di Sant’Oliva.  

Ha chiuso poi la serata il Concerto «LE QUATTRO STAGIONI» di Antonio Vivaldi che ha visto protagonist l’Orchetra “NOVA AMADEUS” con il Violinista solista Soichi Ichikawa.

Nel tardo pomeriggio invece è stata celebrata la Messa Solenne presso la Chiesa di Sant’Oliva da Don Alessandro Aloè, con la partecipazione diretta dei gruppi internazionali, con letture e canti, anche di diversa estrazione religiosa all’insegna della pace, cerimonia che ha completato la partecipazione di tutti i gruppi internazionali all’Udienza del 3 agosto con Sua Santità PAPA FRANCESCO presso la Città del Vaticano.

Tante ancora le iniziative in programma che possono essere consultate sulla pagina Facebook o Instagram del LATIUM FESTIVAL. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: