VOLLEY, pronto a vivere la sua seconda stagione all’Opus Sabaudia: Gabriele Tognoni riparte dalla sua voglia di crescere

5 minuti di lettura

“Ci aspetta un campionato di altissimo livello e non bisognerà mollare mai, personalmente sono convinto che con questo gruppo ci porteremo a casa tutti grandi soddisfazioni”. Gabriele Tognoni, centrale di Alessandria, alto 202 centimetri, scalpita per l’imminente inizio della sua seconda avventura a Sabaudia: il campionato di pallavolo maschile di serie A3 che, per i pontini, inizierà tra meno di un mese. A Sabaudia cresce l’attesa e per Tognoni, quella che sta per partire, sarà la terza stagione in serie A3 dopo tre campionati a Modena, tra la serie D e la B, e uno a Tuscania in A3.

“Aspettative personali? Continuare a crescere e a migliorare per raggiungere il mio massimo livello, sia per me che per la squadra mentre per quanto riguarda il gruppo siamo ormai alla quarta settimana di preparazione e sto spingendo al massimo, sia a livello fisico che tecnico per essere pronto per la prima di campionato – assicura Gabriele, che ha iniziato la sua avventura pallavolistica in serie C con l’Avbc Alessandria – In questo periodo iniziano le prime uscite e gli allenamenti congiunti, dopo il primo con Cisterna di Superlega abbiamo capito su cosa lavorare e sono fiducioso anche perché abbiamo confermato di essere una squadra che non smette di giocare in nessuna situazione”.

Oltre al coach a Sabaudia c’è anche uno staff profondamente rinnovato. “Lo staff s’è arricchito di numero, sono tutti super disponibili e pronti per farci lavorare al meglio – chiarisce Tognoni che, nell’ultimo anno di permanenza a Modena è stato anche chiamato per allenarsi con la prima squadra di serie A1 e che successivamente ha anche partecipato a un collegiale con la Nazionale U21 nel 2018 – Ci sono il secondo e terzo allenatore, Marco Saccucci e Francesco Distaso, e stiamo portando avanti la preparazione con il nostro preparatore Marco Ceccacci”.

Poi Tognoni analizza il lavoro che sta facendo con la squadra. “Prima di questa preparazione il coach Mauro Budani l’avevo incontrato solo da avversario nelle due precedenti stagioni: me ne avevano parlato tutti molto bene e non posso far altro che confermare perché s’impegna per tirare fuori il massimo da noi giocatori sia dal punto fisico che da quello mentale, ci sta motivando nel modo giusto e sono convinto che ciò porterà grandi risultati – aggiunge Gabriele, studente di ingegneria meccanica, all’università La Sapienza di Roma – Sto per iniziare il terzo anno, non è facile conciliare le due vite ma per me è molto importante. Dopo il blocco del Covid mi auguro vivamente che possa tornare il pubblico al palazzetto, credo che questo sia il bello di ogni sport e mi aspetto che anche il nostro palazzetto si riempia per sostenerci e diventare una fortezza ben difesa per sostenerci e aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: