PALLAMANO, l’HC Cassa Rurale Pontinia ricevuta in Comune

8 minuti di lettura
Nei giorni scorsi le giocatrici, lo staff tecnico e i dirigenti dell’HC Cassa Rurale Pontinia sono stati ricevuti presso il palazzo comunale di Pontinia. Il sindaco Carlo Medici e l’assessore allo sport Antonio Pedretti, hanno incontrato il gruppo guidato dal presidente Mauro Bianchi con capitan Selene Franceschini e compagne al termine della stagione che ha visto la prima squadra protagonista nella serie A Beretta, il massimo campionato italiano femminile, e la formazione giovanile che ha concluso il torneo di serie A2 con una squadra costruita in prospettiva per regalare a coach Giovanni Nasta le campionesse del domani.
Il presidente Mauro Bianchi ha voluto prendere questa società per portarla tra le stelle, sono contento perché questo club ha un progetto di lungo respiro – ha chiarito il primo cittadino di Pontinia nell’aula consiliare – abbiamo vissuto una stagione particolare, per la vita di tutti e anche per lo sport, un periodo che oserei dire quasi metafisico e penso che questo incontro sarà una ripartenza“. Il Pontinia ha centrato tutti i suoi obiettivi stagionali: salvezza centrata con grandissimo anticipo, addirittura la partecipazione alla fase finale della Coppa Italia e un piazzamento di grande prestigio.
Ci tengo a ringraziare il presidente Bianchi che ha permesso a questa realtà di diventare sempre più importante, inoltre mi auguro che tutte le altre società di Pontinia possano ripartire a tutti i livelli – ha aggiunto l’assessore PedrettiRingrazio le giocatrici perché si sono impegnate anche in questa situazione complicata: giocare senza la presenza del pubblico non è mai bello la pandemia di Covid ci ha costretto ad adeguarci a questa situazione, avete onorato il campionato con un risultato importante”.
La società è cresciuta molto in questa prima stagione nella massima serie. “Sono molto felice per come sono andate le cose e vorrei ringraziare, prima di tutto, Armando Periati che è con noi per la prima volta come presidente emerito e lo ringrazio per la fiducia che ha avuto in me e nel mio staff, ringrazio anche il sindaco e l’assessore perché nelle loro parole ho colto parole come orgoglio e rappresentanza, si perché noi rappresentiamo un territorio e lo facciamo con grande voglia, abbiamo reso straordinario questo primo anno nella massima serie – ha chiarito Bianchi – Veniamo riconosciuti nella nostra città e, anche grazie al nostro progetto di comunicazione e visibilità, siamo sostenuti seppur a distanza da moltissimi appassionati che si stanno avvicinando con entusiasmo. Il nostro progetto è molto più ampio e il nostro dovrà essere un punto di riferimento anche per i giovani, aspetto la ripartenza dei nostri progetti nelle scuole perché possiamo svolgere anche un’opera importante coinvolgendo i giovanissimi”.
La visibilità del club è stato uno dei punti di forza, ora la società è sempre più apprezzata e riconosciuta: negli ultimi mesi gli indicatori sono stati tutti molto positivi. “L’abbinamento tra la nostra banca e la pallamano di Pontinia è una cosa molto profonda e molto sentita, sono anche molto legato alla società e sono contento che il presidente Bianchi porti avanti questo progetto augurandomi risultati sempre migliori” ha aggiunto Rinaldo De Renzi, portando il saluto del presidente e del consiglio d’amministrazione della Cassa Rurale.
Giovanni Nasta, a capo del progetto tecnico, è già focalizzato sulla prossima stagione, intanto però si gode i risultati positivi. “A Pontinia c’è la storia della pallamano perché si arriva da tanti anni di successi, specie nel settore giovanile, e non è stato per me difficile accettare specie dopo essere stato invitato al torneo in ricordo di Marica Bianchi – ha spiegato coach Nasta – nel corso del tempo abbiamo sempre mantenuto ottimi rapporti, poi mi è stato chiesto di allestire un organico e, in quel momento, non è stato difficile per me accettare la proposta. Le giocatrici che ho coinvolto mi hanno ripagato con grande fiducia ed è stato bello lavorare a Pontinia: ci tengo a ringraziare lo staff che mi ha affiancato con grande professionalità e disponibilità”.
Il capitano Selene Franceschini ha voluto sottolineare alcuni concetti. “A nome della squadra ringrazio la società, squadra e tutto lo staff che ci ha consentito di far parte di questo progetto, sono orgogliosa di poter rappresentare la mia città nella massima serie e mi fa piacere che molti fan si siano appassionati e come loro anche molti sponsor, che hanno deciso di avvicinarsi al nostro progetto”.
All’incontro, oltre a tutte le giocatrici, erano presenti anche: Matteo Lovato, assessore alle politiche giovanili, Roberto Di Trapano, presidente della consulta, Ciro Iengo e Marco Gianni che completano l’organico tecnico della squadra di Serie A Beretta femminile e Serie A2 femminile, Simone Orelli medico del club, Mariangela Alviti, fisioterapista, e Roberto Di Pirro, il mental coach.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: