GAETA, una balena grigia nel Mediterraneo. La lettera aperta del biologo marino Adriano Madonna

5 minuti di lettura

Ecco le parole del biologo marino Adriano Madonna sulla balena grigia che è entrata in Mediterraneo.

Per motivi misteriosi, una balena grigia della specie Eschrichtius robustus è entrata in Mediterraneo e adesso vaga nel nostro mare spostandosi da un punto all’altro della costa. È stata avvistata la prima volta nel mare di Ponza, all’altezza della spiaggia di Frontone, poi si è spostata lungo le coste della Campania girovagando qua e là. È diventata un’attrattiva, ma cerchiamo di non considerarla un sorta di giocattolo, un cartone animato con cui divertirci. 

Questa specie, che normalmente vive nel Nord Pacifico, ad un passo dal Circolo Polare Artico attualmente, nelle nostre acque, si trova in un ambiente che non è il suo. Forse sta andando incontro a difficoltà, come la temperatura dell’acqua, la salinità, la presenza meno abbondante di cibo e probabilmente non  sta conducendo un’esistenza facile, a miglia e miglia di distanza da “casa sua”. Vogliamo aiutarla e ce la metteremo tutta. Il nostro sogno nel cassetto sarebbe quello di riaccompagnarla nel suo mare, ma l’impresa è difficile, se non addirittura impossibile.  Che cosa possiamo fare per questo animale a cui tutti ci siamo affezionati? Innanzitutto desideriamo che viva nel miglior modo possibile, quindi intendiamo monitorare i suoi spostamenti e fare in modo che il suo stato di salute sia ottimale. 

Come? Stiamo costituendo un comitato pro balena grigia e innanzitutto vogliamo sincerarci sul suo effettivo livello di benessere, coinvolgendo cetologi, veterinari, biologi marini per andare a visitare la nostra amica balena. In un secondo momento, quando si sarà ambientata e sarà ben nutrita (si stabilirà se avrà bisogno di opportuni e specifici integratori alimentari), si prenderà in considerazione l’ipotesi di riaccompagnarla a casa. Come non lo sappiamo ma faremo in modo di farci venire un’idea. 

Chiediamo l’aiuto e la solidarietà di tutti, ma come tutti potranno rendersi utili? Innanzitutto seguendo e segnalando i suoi spostamenti, sì che nel momento di agire concretamente potremo sapere dove si trova. Diamoci tutti da fare e aiutiamo la balena grigia, che nella sua storia è molto vicina a noi: è, infatti, un animale che in tempi remoti ha lasciato la dimensione asciutta per cercare in mare un motivo di sopravvivenza. Una storia bellissima che ci piace conoscere e narrare ai nostri figli. Per il momento, diamo un aiuto fattivo. Fidiamo nella collaborazione di tutti.  Si dice che la balena in questione sia stata avvistata a Gaeta, non ne abbiamo al momento la certezza, ma se così fosse ricordiamo ai  natanti di fare attenzione e che non è un animale che provoca danni, né sottrae pesce dalla reti perché si nutre di sostanze organiche in sospensione nell’acqua“.

Adriano Madonna, 72 anni di età, è un biologo marino e uno dei subacquei della vecchia guardia più noti d’Italia. Per circa 40 anni è stato giornalista redattore di un noto periodico di attività subacquee. Ha girato il mondo sopra e sott’acqua e ancora oggi continua a viaggiare, interessandosi in particolare del fenomeno dei cambiamenti climatici. Attualmente è un biologo marino di EClab Laboratorio di Endocrinologia Comparata dell’Università di Napoli “Federico II”, è docente di Scienze Ambientali presso la Scuola Superiore di Tecnologia per il Mare – ITS G. Caboto di Gaeta, ed è un componente del gruppo di ricerca scientifica del Centro Culturale Ambientale della Lega Navale Italiana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: