VOLLEY, Cisterna cede in tre set a Verona. Kovac: «Commettiamo troppi errori, la delusione è tantissima ma anche l’arrabbiatura»

2 minuti di lettura

TOP VOLLEY CISTERNA – NBV VERONA 0-3
TOP VOLLEY CISTERNA: Cavuto 3, Cavaccini (lib.), Sottile, Tillie 2, Rossato ne, Sabbi 11, Rossi 4, Onwuelo, Rondoni ne, Randazzo 3, Krick 16, Szwarc 12. All. Kovac
NBV VERONA: Kaziyski 7, Magalini ne, Caneschi, Peslac 3, Aguenier 7, Jensen 17, Spirito ne, Jaeschke 15, Zanotti ne, Donati (lib.) ne, Bonami (lib.). All. Stoytchev
Arbitri: Saltalippi, Santi
Parziali: 23-25 (29′), 22-25 (30′), 23-25 (30′)
Note: Top Volley Cisterna: ricezione 63% (41%), attacco 50%, aces 3 (err. batt. 16), muri pt. 3;
NBV Verona: ricezione 67% (41%), attacco 48%, aces 2 (err. batt. 14), muri pt. 6.
MVP: Kaziyski (NBV Verona)

La Top Volley Cisterna non riesce a dare una scossa a questa stagione segnata da risultati costantemente negativi. I pontini cedono in tre set all’NBV Verona con tanti errori e poca incisività, cedendo nei momenti decisivi, come nel terzo parziale dove Szwarc e compagni sembravano in grado di riaprire il match. Con 16 punti (94% in attacco) il centrale Tobias Krick è stato il miglior realizzatore per i pontini, al secondo posto l’altro centrale Szwarc (12 punti e 61%) mentre per Verona Jensen ne ha totalizzati 17 con il 45%.
Boban Kovac (coach Top Volley Cisterna): «Abbiamo giocato contro una Verona a pezzi, senza il primo palleggiatore, non so cosa dire, potrei dire solo cose banali: tiriamo fuori con muro a uno, errori con la ricezione buona, errori dopo una buona difesa. La delusione è tantissima ma anche l’arrabbiatura, parliamo sempre di paura di fare errori ma basta, è una scusa stupida perché gli altri non mi pare che abbiano paura».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: