FONDI, Pistillo (FdI): «Gli operatori del Pronto Soccorso considerati di serie B»

3 minuti di lettura

«Resto sconcertato e deluso dall’aver appreso che gli operatori del Pronto Soccorso di Fondi non si sono visti riconoscere pienamente il cosiddetto “premio Covid”, ovvero un bonus sui loro stipendi per “ringraziarli” degli sforzi fatti durante l’emergenza Coronavirus.
L’ospedale di Fondi infatti sembra sia stato inserito nella Fascia B “rischio medio” con bonus di 600 euro, quando sarebbe stato opportuno inserirlo in Fascia A “rischio elevato”, tenendo presente che la città è stata “zona rossa” per quasi un mese.
La delusione del personale sanitario che ho avuto modo di incontrare è evidente. Dopo le promesse, alla prova dei fatti sono stati considerati di “Serie B”, nonostante a Fondi i casi di Covid-19 siano stati decisamente elevati.
Sui social, nei tg, nelle chiacchiere tra concittadini i nostri medici sono stati definiti eroi, salvatori, coloro, gli unici in realtà, in grado di curare i nostri amici, familiari o conoscenti contagiati dal virus. Hanno affrontato turni di oltre 12 ore, sono stati messi duramente alla prova dall’uso inevitabile delle mascherine e di tutte le protezioni necessarie per difendersi dal virus. Hanno rinunciato anche alle loro famiglie, per la paura di essere contagiati, paura che ha conosciuto bene ognuno di noi, ma loro più di chiunque.
La gratitudine, ed il riconoscimento per quanto hanno fatto per tutti noi è stata una pacca sulla spalla, poiché sono stati gli unici a non essere retribuiti in giusta misura e premiati per la loro forza nell’affrontare l’emergenza Covid.
A oggi nessuno ha alzato la voce per loro. Ci duole ammettere che non siamo stati all’altezza dei nostri eroi».

É quanto dichiara Francesco Pistillo di Fratelli d’Italia di Fondi, denunciando lo scarso trattamento riservato agli operatori sanitari del comune in provincia di Latina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: