C’è voluto l’intervento dei Carabinieri della Locale Stazione per risolvere una situazione davvero singolare successa a a Sezze. Allertati dalla stessa professoressa, colta di sorpresa e impaurita da quanto stava le accadendo sotto casa (nella centralissima via Corradini, adiacente alla piazza del duomo di Santa Maria) i militari dell’Arma sono approntamente accorsi per sedare gli animi di due genitori inferociti dal brutto voto riportato dalla figlia. Il giorno prima, la prof aveva riportato in classe i compiti di matematica corretti e valutati. La valutazione di insufficienza però non è andata giù alla ragazza, studentessa del 4° anno, che sul momento è andata su tutte le furie inveendo a male parole contro la docente. L’escandescenza ha richiesto l’intervento del personale ATA accorso richiamato dalle grida. La scena vissuta ha tanto scosso la professoressa che il giorno dopo si è presa un giorno di permesso. Invece che ritrovare la calma però, al mattino seguente, poco prima delle 9 ha sentito suonare insistentemente al campanello di casa e si è affacciata dalla finestra trovandosi davanti alla porta i genitori dell’alunna che le hanno inveito contro gridandole frasi minacciose tanto da destare l’allarme dei vicini di casa. La stessa coppia, che era già stata a scuola millantando un appuntamento con la docente, appreso dell’assenza della stessa ha deciso di andare a trovarla sotto casa. La stessa insegnante, subita l’aggressione verbale, ha allertato le forze dell’ordine, che sono prontamente accorse sul posto.