I volontari dell’istituto per la famiglia con la preziosa collaborazione della A.S. Parisi Boxe, hanno partecipato alla colletta alimentare che si é svolta nel capoluogo pontino e che ha permesso di raccogliere tanti prodotti per chi ne ha maggiormente bisogno: “La colletta – ha spiegato il Presidente Nazionale dell’ Istituto per la Famiglia, Claudio Zappalà – e’ stata per tutti una conferma ed un rafforzamento del cammino che stiamo facendo con tante difficoltà. Abbiamo raccolto in totale 26.293 Kg. di prodotti, il 7% in meno dello scorso anno,ma un 100% in più di consapevolezza verso quello che e’ essenziale per vivere: l’amore a Dio che passa attraverso la condivisione del bisogno di tutti noi. Grazie a tutti i volontari – ha concluso Zappalà – perchè ogni fatica fatta , ogni sforzo fatto Sabato scorso, é un tassello di certezza alla maturazione della nostra vita. Altrettanto soddisfatto Mirko Parisi, Presidente del sodalizio pontino , Presidente Provinciale della CICAS ITALIA e Responsabile Provinciale dell’ Istituto per la Famiglia, che ha parlato dell’iniziativa come di uno spettacolo di gioia e bellezza di un gesto che si rinnova, nonostante tutto, ogni anno: “Il nostro gruppo sportivo – ha spiegato Mirko Parisi – collabora con l’ Istituto per la Famiglia tramite il Gruppo di Preghiera interno alla A.S.Parisi Boxe “Cosi’ in Cielo e cosi’ in Terra…”, che ha come guida spirituale Don Luca Volpe, ex cappellano del carcere di Latina. La collaborazione – ha precisato lo stesso Mirko Parisi a margine dell’evento – consiste nell’unire Sport e Sociale. Abbiamo a cuore i ragazzi che spesso prendono derive poco consone e spingiamo affinché vengano in palestra, in tante occasioni cerchiamo di toglierli dalla strada, tantoché si diano da fare nel volontariato attivo, in questa occasione a sostegno delle persone e famiglie bisognose, e in particolare per le famiglie dei detenuti e di loro stessi oltre che per gli ammalati,ecc… Sono allo studio diversi altri progetti – ha concluso il numero uno di casa Parisi – che hanno già ottenuto ottime indicazioni, tra cui quelli che porteranno il pugilato all’interno degli Istituti Penitenziari e nelle Scuole”.