Si è svolta a Sperlonga la prima edizione di “Ludum”, organizzata da Gioventù Nazionale Lazio, un appuntamento che anticipa la tre giorni di Atreju, storica manifestazione della destra italiana, in programma dal 20 al 22 settembre all’Isola Tiberina di Roma. Ad aprire la giornata, i saluti di Sara Kelany, coordinatrice comunale di FdI Sperlonga, del presidente di GN Lazio Federico Palla, del coordinatore regionale di FdI onorevole Paolo Trancassini e dell’Eurodeputato Nicola Procaccini. A seguire un confronto fra parlamentari moderato da Mario Romanzi, con gli interventi dei senatori Nicola Calandrini e Massimo Ruspandini e dei deputati Marco Silvestroni e Mauro Rotelli.
Al centro dei dibattiti che si sono susseguiti nella giornata, il rapporto tra giovani e politica, ma anche la nascita del nuovo governo e la posizione ferma di Fratelli d’Italia, che domani si ritroverà a Roma, in Piazza Montecitorio, per la manifestazione nazionale contro la nascita del Conte-bis. “Sono felice come presidente provinciale di Gioventù Nazionale Latina che la nostra provincia abbia ospitato la prima edizione di Ludum – ha dichiarato il presidente di GN Latina Mario Romanzi -. È stata un’occasione di incontro importante per la destra laziale e una vetrina per la classe dirigente di Fratelli d’Italia, classe dirigente futura ed attuale in quanto diversi nostri esponenti ricoprono già posizioni amministrative. L’aver ospitato Ludum a Sperlonga è un premio per l’impegno dei militanti della provincia di Latina”. “Abbiamo fortemente voluto questa manifestazione qui a Sperlonga soprattutto in questo momento di tensione nazionale, per affermare che siamo l’unico movimento giovanile presente sui territori che si occupa di politica, quella vera, e non la politica degli inciuci che la fa da padrone a livello nazionale”, ha aggiunto Federico Palla, presidente di Gioventù Nazionale Lazio.“L’entusiasmo dei ragazzi è contagioso – conclude il Senatore e coordinatore provinciale di FdI Latina Nicola Calandrini -, oggi a Sperlonga Ludum è stata una festa oltre che un’occasione di confronto. Stimo e ammiro il percorso politico che stanno facendo i nostri giovani, alcuni dei quali già con incarichi amministrativi importanti. A loro ho detto che si entra, si rimane e si cresce in Fratelli d’Italia sulla base dei seguenti principi: militanza e coerenza con i nostri valori. Ad oggi siamo l’unico partito rimasto fedele alle posizioni e agli ideali di centrodestra: non scendiamo a compromessi, tantomeno con chi è all’opposto rispetto a noi. Gli elettori ci stanno dando ragione”. Ludum non finisce: è già in cantiere una seconda edizione, che su invito dell’onorevole Mario Rotelli potrebbe svolgersi il prossimo anno nella cornice di Civita di Bagnoreggio.