Un Comune sempre più attento alle esigenze e bisogni delle fasce sociali più deboli. Prosegue l’attività del settore delle politiche sociali messa in atto dall’Assessorato competente attraverso la sinergia con Enti istituzionali, Associazioni e realtà imprenditoriali con l’obiettivo di far fronte a diversi e dilaganti fenomeni causati dalla crisi economica. Se nei giorni scorsi il Comune di Gaeta ha presentato i risultati del progetto “Reti Solidali” in cui si rafforzava l’attenzione per le persone affette da ludopatia, nella giornata di venerdì 27 luglio, presso l’aula consiliare il Sindaco di Gaeta Cosmo Mitrano, l’Assessore alle politiche sociali Lucia Maltempo e il Presidente dell’ordine dei Commercialisti di Latina Efrem Romagnoli, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per l’apertura di un punto d’ascolto per le vittime del sovraindebitamento. Il servizio, totalmente gratuito, per ora, sarà attivo due volte al mese presso il Comune di Gaeta, a partire da giovedì 6 settembre, dalle ore 15.30 alle 18.30. “Siamo convinti – spiega il Sindaco Cosmo Mitrano – che questo servizio attivo sarà di supporto e sostegno per quelle persone che attraversano un momento di difficoltà”. “Come Amministratori – aggiunge il primo cittadino – abbiamo l’obbligo morale ed il dovere di fornire risposte concrete soprattutto alle fasce sociali più deboli ed esposte. Ringrazio – conclude Mitrano – l’ordine dei commercialisti di Latina attraverso il suo presidente Efrem Romagnoli con cui oggi sottoscriviamo il protocollo d’intesa con l’intento di condividere know how a beneficio di coloro che ne hanno bisogno”. Per sovraindebitamentosi intende lo stato di indebitamento cronico, di perdurante insolvenza e impossibilità di far fronte a tutte le obbligazioni assunte. Basta immaginare un nucleo familiare in cui l’unico lavoratore viene licenziato e si trova a dover affrontare il pagamento del mutuo, delle spese sanitarie, delle tasse ecc. “Nell’assoluto rispetto della privacy – commenta l’Assessore alle politiche sociali Lucia Maltempo – riusciamo ad offrire al cittadino un sostegno morale e giuridico grazie alla consulenza gratuite di commercialisti che forniranno tutti gli strumenti utili per risanare la propria condizione debitoria ricorrendo ad una sorta di procedura fallimentare che consente di trovare un accordo con i creditori dinanzi al giudice”. “Abbiamo aderito con piacere – commenta il presidente dell’ordine dei commercialisti di Latina Efrem Romagnoli – alla sottoscrizione del protocollo d’intesa con il Comune di Gaeta che si pone quale capofila di questo punto d’ascolto, mettendoci in condizione di poter condividere con l’utenza la nostra esperienza in materia di sovraindebitamento attraverso un meccanismo di solidarietà e con una forte valenza sociale”. “Siamo contenti – conclude Romagnoli – di instaurare una collaborazione con il Comune di Gaeta che si è manifestato attento e sensibile verso questa tematica, così come le Associazioni Fidapa e l’Approdo che ci hanno sostenuto affinché si potesse aprire questo punto di ascolto che fornirà quelle soluzioni a chi ne avrà bisogno”. A beneficiare del servizio, i soggetti ai quali non si applica la legge fallimentare e in particolare: i consumatori, il debitore persona fisica, che risulti aver contratto obbligazioni per far fronte ad esigenze personali o familiari o della più ampia sfera attinente agli impegni derivanti dall’estrinsecazione della propria personalità sociale, dunque anche a favore di terzi, ma senza riflessi diretti in una attività di impresa o professionale propria; soggetti che non svolgono attività di impresa; professionisti, artisti e lavoratori autonomi e società professionali; imprenditori commerciali “sotto soglia” (cioè non aventi i requisiti richiesti dalla legge per il fallimento); Enti privati non commerciali, associazioni e fondazioni riconosciute, organizzazioni di volontariato, associazioni sportive, Onlus, ecc.; imprenditori agricoli. Responsabile dello sportello d’ascolto, la commercialista Francesca Di Rocco che entra nel dettaglio del servizio fornito agli utenti “attraverso la consulenza gratuita di otto commercialisti – spiega – avremo modo di effettuare uno screening della situazione debitoria prima di avviare la procedura di sovraindebitamento”.