L’11 Settembre, vi è stata presso il palazzo comunale, una conferenza stampa per esplicare i problemi riguardanti l’apertura delle scuole, e dei lavori che l’amministrazione comunale sta svolgendo sulle strutture scolastiche. Come era stato promesso durante le elezioni comunali, infatti, il 20 Luglio il Sindaco Giada Gervasi, ha fatto iniziare i sopralluoghi per verificare soprattutto lo stato degli impianti, degli intonachi e della sicurezza generale. Ad oggi i lavori eseguiti hanno portato ad una spesa complessiva di 450.000 euro, di cui 300.000 dedicati all’impianto di sicurezza antincendio della Cencelli. Il sindaco ha chiarito più volte che il suo interesse primario fosse di ottenere una massima sicurezza per salvaguardare l’incolumità degli studenti e del personale. L’apertura delle scuole, che per il calendario della regione dovrebbe essere il 15 settembre, è stata anticipata a ieri 12 settembre, per le scuole elementari di Borgo Vodice, e per le medie Giulio Cesare di Sabaudia. La Cencelli, insieme alle altre scuole rimanenti della Giulio Cesare, dovrebbero riaprire il 15 Settembre come da calendario ufficiale, ma solo se ci saranno le condizioni minime di sicurezza. Tuttavia, i lavori sono ancora in corso e i problemi riscontrati molti, perciò per avere una massima trasparenza, sia con i dirigenti scolastici che con i cittadini, il sindaco ha indetto una commissione paritetica degli istituti di Sabaudia, che parteciperà ad un tavolo permanente, insieme al consiglio d’istituto, i rappresentanti dei genitori e i rappresentanti d’istituto, per essere sempre e continuamente aggiornati sullo stato delle situazioni. Inoltre verranno presentate delle schede tecniche sulla storia degli immobili scolastici, con tutta la documentazione dei lavori; in modo che tutte le spese pubbliche che verranno utilizzate per questi lavori saranno documentate dettagliatamente. Il Sindaco Giada Gervasi ha chiarito che il suo obiettivo è sempre stato quello di rendere le scuole più idonee puntando sopratutto sulla sicurezza. Ovviamente, tutti gli altri problemi riguardanti i progressi architettonici, o a degli ampliamenti (dato che le richieste sono aumentate notevolmente) sono stati posti in secondo piano rispetto alla sicurezza. Nonostante ciò l’amministrazione si sta già adoperando per trovare delle soluzioni che possano recare meno problemi possibili alle famiglie, così da rendere le scuole di Sabaudia migliori a 360°.