E’ stato presentato ieri mattina il progetto “Appia Regina Librarum”, che per circa due mesi coinvolgerà le biblioteche di Sezze scalo (capofila dell’iniziativa), Cisterna e Formia. Davanti agli studenti delle classi quarte delle scuole elementari di Crocevecchia, prima della presentazione ufficiale del progetto si è tenuto il primo laboratorio, un viaggio immaginario, allestito dall’associazione culturale “Lestrigonia”, che ha coinvolto i più piccoli facendogli scoprire i segreti del tratto di strada che collega Roma con Brindisi realizzato oltre 2000 anni fa ed ha affascinato riportando indietro nel tempo all’epoca dell’impero romano. Poi la presentazione ufficiale, alla presenza dei responsabili del progetto, dei primi cittadini di Sezze e Formia, Andrea Campoli e Sandro Bartolomeo, e di delegati dei Comuni di Cisterna e Fondi, oltre a rappresentanti dell’amministrazione provinciale di Latina, che ha puntato sul progetto, e della compagnia dei Lepini. Ognuno di loro, nei rispettivi interventi, ha sottolineato l’importanza culturale di manifestazioni del genere e si è complimentato con la biblioteca di Sezze scalo, con le altre realtà bibliotecarie del territorio e con le organizzazioni che hanno collaborato alla sua realizzazione per l’ottimo lavoro svolto. Un lavoro che, su tre sedi distinte, proseguirà fino al mese di maggio, con altrettanti interessanti incontri e con una visita programmata all’interno dell’area archeologica di Minturno.