Il Piacenza non sarà il Belgio, ma le indicazioni avute nell’amichevole degli azzurrini di mister Di Biagio sono buone. La squadra può crescere ancora molto sotto il piano del gioco, ma il successo per 4-2 ottenuto dalla Nazionale Under 21 al ‘Garilli’ dà un’iniezione di fiducia in vista del match in programma lunedì 14 ottobre alla ‘Cristal Arena’ di Genk, quando gli Azzurrini dovranno riscattare la sconfitta rimediata a Rieti e andare a caccia di punti preziosi per la qualificazione all’Europeo. In svantaggio per 2-1 al termine del primo tempo (gol di Longo per l’Italia e di Martino e Marrazzo per il Piacenza), l’Under 21 ha ribaltato il risultato nella ripresa grazie alle reti di Baselli, Viviani e Improta. “Questo test – ammette Di Biagio – ha dato sia indicazioni positive che negative. Era quello che ci serviva, contro una squadra di prestigio anche se milita nella Serie D. Nel primo tempo abbiamo sofferto, c’era troppo spazio tra difesa e centrocampo e abbiamo corso tanto e male. Sicuramente dobbiamo giocare meglio, siamo consapevoli delle cose sulle quali dover lavorare”.
Nella ripresa la squadra è cresciuta anche grazie all’ingresso in campo di Viviani, autore del gol del 3-2: “Federico si è proposto bene – conferma il tecnico –  anche se poi il lavoro più pesante l’hanno fatto i ragazzi che sono scesi in campo nel primo tempo, cercando di arginare il loro modo di giocare. Bisogna continuare ad insistere e i risultati arriveranno, dobbiamo solo convincerci che le cose che stiamo facendo sono quelle giuste”.